Juric litiga con Ugolini e abbandona l’intervista a Sky

0
548

Ivan Juric, allenatore del Verona, protagonista di un duro scontro in diretta TV durante l’intervista del post-partita di Napoli-Verona. Una domanda di Massimo Ugolini fa perdere la pazienza al tecnico dei gialloblu, che poi litiga anche con Fabio Caressa e abbandona l’intervista.

Nel post partita di Napoli-Verona, ai microfoni di Sky Sport si è presentato all’intervista l’allenatore del Verona, Ivan Juric molto nervoso, che è arrivato ad un violento diverbio con Massimo Ugolini, inviato Sky al Maradona.

Ugolini prova a formulare una domanda, solo accennata, in cui intendeva sottolineare che il Verona si era impegnato molto contro il Napoli. Voleva sapere come Juric era riuscito a motivare la squadra. A questo punto Juric non ci ha visto più: «Di nuovo? Manca di rispetto, me ne vado. La mette in un modo non giusto. Se potete fare le domande, io non ci sto. La squadra ha dato sempre il massimo. Mi devi chiedere scusa».

In studio Caressa durante l’intervista a Juric cerca di calmarlo dicendogli che forse ha interpretato male la domanda. Ugolini ci riprova: “abbiamo visto un Verona pieno di entusiasmo ed energia”. Juric di nuovo lo ferma. Dallo studio cercano di calmarlo, poi lo salutano.

Verona batte il Napoli

La squadra di Gattuso non riesce a vincere il Verona e in virtù dei successi di Juve e Milan chiude al quinto posto in campionato, fuori dalla Champions ma qualificato alla prossima Europa League. Gli azzurri avevano sbloccato il risultato nella ripresa grazie a Rrahmani capace di risolvere una mischia in area. Dopo una manciata di minuti il pareggio di Faraoni che chiude la gara sull’1-1.

POTREBBE INTERESSARTI: Atalanta-Milan 0-2, rossoneri in Champions: Tabellino e Highlights

Con 3 passaggi il Verona affonda il colpo con Dimarco, Meret si supera e devia quanto basta il diagonale. La squadra di Gattuso non si scuote, continua a subire se stessa più che l’avversario. Alla formazione di Juric, che all’andata inflisse una pesante sconfitta ai partenopei e provocò il quasi esonero di ‘ringhio’, riesce tutto