Francesco Menegatti, il figlio di Carla Fracci: “Mia madre ha resistito con tenacia e dignità”

0
885

Francesco Menegatti, il figlio della ballerina Carla Fracci, ha parlato della scomparsa della madre ai microfoni de ”Il Corriere della Sera”

Oggi alle 14.30 si terranno i funerali della morte di Carla Fracci. Nella Chiesa di San Marco a Milano. Il tutto verrà anche trasmesso in TV, su Rai 1, a partire dalle 14.45.

Il figlio, Francesco Menegatti, ha speso parole profonde per omaggiare la madre e lo ha fatto ai microfoni de ”Il Corriere della Sera”. ”Ha resistito con tenacia, orgoglio e una dignità fuori dal comune. – ha affermato Francesco – Doti che l’hanno sempre accompagnata, anche in vita”.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Marisa Fracci, chi è la sorella di Carla Fracci: biografia e vita privata

Francesco Menegatti, le parole del figlio di Carla Fracci

Francesco ha poi continuato: “Gli ultimi momenti di mia madre? Non parole, ma sguardi pieni di profondo amore per me, per mio papà Beppe, per la collaboratrice storica Luisa Graziadei, per mia moglie Dina e per i suoi nipoti, Giovanni e Ariele. Credo fosse fiera di averci reso persone serie con solidi principi. Una raccomandazione che mia madre ripeteva, ed è significativo del suo carattere, era di rimanere fedeli agli aspetti più semplici della vita. Ricordava con orgoglio la sua infanzia trascorsa a governare le oche nella campagna del cremonese. Non si è mai montata la testa, nonostante la ribalta”.

Le parole del sindaco di Milano

Anche Giuseppe Sala, sindaco di Milano, ha parlato nel foyer del Teatro alla Scala. Le sue parole: “Milano perde una parte della sua storia recente. Lei ha amato Milano,  profondamente, e credo che raramente si sia visto un ricambio così sincero da parte della città. Sono stato molto fortunato ad averla conosciuta qualche anno fa e devo dire che tutta la città ha amato Carla. È anche una bella storia, nascere in una famiglia normale, con una volontà di costruire qualcosa di importante per te e perché ti sta intorno”.