Gelsomina Verde: chi è la giovane vittima di camorra a 21 anni

0
131

Aveva solo 21 anni Gelsomina Verde, nata a Napoli, quando nel novembre è stata una giovanissima vittima della camorra.

Gelsomina Verde

Non aveva ancora compiuto 22 anni, Gelsomina Verde, che nel novembre 2004 è stata torturata per ore prima di essere uccisa dalla camorra. Attiva nel volontariato, solare e affabile con tutti, la sua colpa sarebbe stata quella di essere stata fidanzata per un breve periodo con Gennaro Notturno, parte del clan degli scissionisti di Secondigliano.

Ti potrebbe interessare anche -> Torna libero l’ex boss Giovanni Brusca, dopo 25 anni esce dal carcere

La sua drammatica morte avvenne nel pieno della cosiddetta prima faida di Scampia: la trovarono carbonizzata all’interno della sua auto e l’autopsia confermò che vi erano state sevizie. Il processo tenutosi contro alcuni esponenti del clan Di Lauro, proprio per la brutalità del delitto che venne commesso, porta il suo nome.

Ti potrebbe interessare anche -> Francesco Bidognetti, cosa sapere sul boss della camorra

La memoria di Gelsomina Verde nel cinema e nella letteratura

Nome che viene ricordato e commemorato dalla sua famiglia, costituitasi parte civile nel processo, e in particolare da suo fratello Francesco. Questi è stato ospite della puntata del 9 giugno della trasmissione di Rai1, ‘Oggi è un altro giorno’. Alla ragazza è stato anche dedicato un film di Massimiliano Pacifico che è uscito lo scorso aprile e che vede proprio Francesco Verde in un ruolo. “Non è stato facile rifare mia una storia che avevo cercato di tenere lontana e interpretare me stesso”, ha raccontato il giovane uomo.

Per il delitto di Gelsomina Verde, vittima innocente della camorra, si è celebrato un processo che si è concluso il 4 aprile 2006 con la condanna all’ergastolo per Ugo De Lucia. La storia della ragazza è stata raccontata anche nel romanzo Gomorra di Roberto Saviano e nella prima stagione della serie televisiva omonima: il personaggio di Manu, interpretato da Denise Perna, è a lei ispirato. A Napoli, un giardinetto nel quartiere Fuorigrotta, dal 2012 porta il suo nome. Chi ha ucciso la giovane, secondo i resoconti, avrebbe tentato di nascondere le sevizie proprio dando fuoco al suo cadavere. L’autopsia ha però fatto emergere l’orrore. Un orrore impossibile da dimenticare.