Colombia: spari dei narcos contro l’elicottero del presidente Ivan Duque

0
805

L’Agi, così come la Cnn, riporta la notizia che vede al centro il presidente colombiano Ivan Duque: l’agenzia scrive infatti che alcuni spari, probabilmente eseguiti dai narcos hanno raggiunto l’elicottero del presidente. Negli ultimi anni i narcos in Colombia e gli stessi cartelli messicani sembrano aver riconquistato il potere degli anni ottanta e novanta. Nemmeno la pandemia è riuscita a frenare il volume di affari dei cartelli che, ingolositi da un nuovo vigore hanno riportato l’America e l’Europa al centro degli affari: e proprio nel contesto della spartizione il conflitto interno è infuocato. A farne le spese sono però ancora giornalisti e cittadini che si sono schierati contro il narcotraffico. 

CALI – COLOMBIA, 28-05-2021: xxx hoy, 28 mayo de 2021, al cumplirse el primer mes de Paro Nacional en contra del gobierno de Ivan Duque además de la precaria situación social y económica que vive Colombia. El paro fue convocado por sindicatos, organizaciones sociales, estudiantes y la oposición. / xxx today, May 28, 2021, on the first month of the National Strike against the government of Ivan Duque in addition to the precarious social and economic situation that Colombia is experiencing. The strike was called by unions, social organizations, students and the opposition. Photo: VizzorImage / Nelson Rios / Cont

Alcuni colpi di arma da fuoco hanno raggiunto l’elicottero del presidente colombiano Ivan Duque, a scriverlo è l’Agi, che spiega che l’accaduto ha avuto luogo al confine con il Venezuela. “È un attacco vigliacco, dove si possono vedere fori di proiettile nell’aereo presidenzialeha commentato così gli spari Ivan Dunque, al potere da giugno del 2018. L’agenzia di stampa racconta che sarebbero 3 i colpi che hanno colpito il velivolo. Il presidente colombiano si trovava a bordo con i ministri della Difesa e degli Interni e con il governatore del dipartimento del Norte de Santander. L’aereo era partito dal villaggio di Sardina ed era diretto verso la città di Cucuta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rio de Janeiro: 25 morti nella favela dopo raid anti-narcos

Il territorio in questione ospita un conflitto tra l’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN), le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, (FARC), molti sono dissidenti che hanno rifiutato l’accordo di pace del 2016,) e i Pelusos. Diversi sono i cartelli che sono entrati nel centro del conflitto. La guerra civile continua a mietere vittime in Colombia e sembra sempre di più che la direzione sia quella di una escalation delle violenze.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Roma, importavano droga dal Sudamerica: 15 arresti

Messico, scontro tra trafficanti di droga: 18 morti

Intanto anche il Messico deve fare i conti con un’aspra guerra tra trafficanti di droga. Nella giornata di ieri l’ultimo massacro. Un conflitto tra gruppi opposti ha provocato la morte di 18 persone. L’Ansa spiega come l’evento sia avvenuto nel Messico centrosettentrionale e che a confermare l’accaduto sia stato un portavoce del governo regionale. Il conflitto a Zacatecas è stato preceduto anche da un altro macabro avvenimento – i media locali hanno infatti riferito che mercoledì due agenti sono stati trovati uccisi e appesi su un ponte. Il Messico si trova nel pieno di una guerra tra i signori della droga, dove a fare le spese è spesso la manovalanza dei soldati dei cartelli. Dal 2006 le vittime hanno superato la soglia dei 300.000.