Scomparsa di Laura Ziliani: due figlie indagate per omicidio

0
605

Due delle tre figlie di Laura Ziliani, la 55enne scomparsa nel Bresciano lo scorso maggio, risultano indagate per omicidio: secondo quanto si apprende sarebbero emerse incongruenze nei loro racconti.

laura ziliani, indagate due figlie per omicidio
Laura Ziliani

Le indagini della Procura di Brescia sulla scomparsa di Laura Ziliani, l’ex vigilessa 55enne di Temù e dipendente comunale a Roncadelle sparita nel nulla due mesi fa, vanno avanti. Nessuno però si aspettava il colpo di scena di queste ultime ore: due delle tre figlie della donna sono finite nel registro degli indagati per omicidio. Secondo quanto si apprende da Il Giornale di Brescia, la decisione della Procura non rappresenterebbe un’accusa, ma sarebbe un atto dovuto a seguito di una serie di incongruenze nei racconti delle figlie. Le due non sono state arrestate e si trovano attualmente in stato di libertà.

Ti potrebbe interessare anche -> Chiara Gualzetti, l’assassino è un coetaneo: il ragazzo ha confessato

Due figlie di Laura Ziliani nel registro degli indagati: la scomparsa della donna

Laura Ziliani era sparita lo scorso 8 maggio nel Bresciano, dopo essere uscita dalla sua abitazione di Temù, paese della Vallecamonica, per una passeggiata in montagna. L’allarme era stato lanciato proprio dalle sue figlie, preoccupate per il mancato ritorno all’ora prestabilita. La 55enne era stata ripresa da alcune telecamere di videosorveglianza del paese e una testimone aveva raccontato di averla incrociata lungo un sentiero. Dalle prime ricerche era emerso che il suo cellulare era stato lasciato nel garage della sua abitazione, mentre alcuni giorni dopo era stata ritrovata una sua scarpa tra una ciclabile e la foce del torrente Fumeclo.

Ti potrebbe interessare anche -> Chi l’ha visto: Tiziana Cantone è stata uccisa? Termina l’autopsia della salma

La donna ha tre figlie: quelle attualmente indagate sono la maggiore e la minore, la terza è affetta da una grave forma di autismo. L’ex vigilessa era vedova dal 2012, ossia da quando il marito aveva perso la vita a causa di una valanga. Dopo la sua morte aveva lasciato la montagna per trasferirsi a Urago Mella e lavorare per il Comune di Roncadelle. Da quanto emerso tuttavia tornava spesso nella sua casa di Temù, dove a volte faceva delle passeggiate in solitaria, esattamente come il giorno della sua scomparsa. Le ricerche di Laura Ziliani hanno finora coinvolto oltre 100 persone, senza però alcun esito.