Israele, Pfizer meno efficace del 30% contro la variante Delta

0
92

Secondo il Ministero della Salute di Israele, il vaccino Pfizer è meno efficace del 30% contro la temuta variante Delta del Covid

r

Nuovi dati da studi sul vaccino Pfizer-BioNTech ne dimostrano un’efficacia minore contro la variante Delta del Covid rispetto a quanto finora accertato. Il Ministero della Salute israeliano qualche settimana fa ha stimato un meno 10% di efficacia contro la variante Delta, dato ora rivisto al ribasso: -30%. Tuttavia, il vaccino, ha sottolineato il Ministero, continua a proteggere contro gli effetti più gravi: ospedalizzazioni e decessi.

POTREBBE INTERSSARTI ANCHE –> Riscaldamento globale: dati shock dal mondo, allarme Onu

“L’Europa vuole lasciarsi alle spalle la pandemia. La buona notizia è che la campagna vaccinale è un successo“. Così la Presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. Ma “non dobbiamo cedere”, ha aggiunto. “La variante Delta si sta diffondendo e troppe dosi non vengono usate e restano nei frigoriferi. Aumentiamo gli sforzi”, ha ammonito la Presidente dell’esecutivo europeo prima di rivendicare che “la vaccinazione significa protezione e libertà e la prova sono i 250 milioni di europei che hanno già scaricato il certificato vaccinale”.

Israele, Pfizer meno efficace del 30% contro la variante  che. Gran Bretagna, nuovo picco dei contagi

Nuova impennata di contagi Covid nella Gran Bretagna, alimentato dalla variante Delta (ex indiana). Il Regno Unito infatti, ha riportato il maggior numero di casi giornalieri dal 29 gennaio e il maggior numero di decessi dal 23 aprile. I nuovi casi sono stati 28.773 in 24 ore e 37 i nuovi decessi. Finora l’86.2% della popolazione adulta ha ricevuto una dose del vaccino e il 64.3% due dosi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Speranza: “Contagi risalgono nonostante le vaccinazioni”. I dati di oggi

Situazione drammatica in Brasile che ha registrato 62.504 nuovi casi e 1.780 decessi per il Covid nelle ultime 24 ore. Dal primo contagio, il 26 febbraio 2020, e dal primo decesso, il 12 marzo dello scorso anno, entrambi a San Paolo, il Paese conta ora 18.855.015 casi confermati e totalizza 526.892 decessi. Il Ministero della Salute, nel suo ultimo bollettino epidemiologico, ha indicato che tra lunedì e martedì si è registrato un significativo aumento del numero dei contagiati (+159.8%) e del numero dei decessi giornalieri (+175.3%).

Ha superato quota 110 mila, secondo i dati dell’università americana Johns Hopkins, il numero dei morti per Covid-19 in Colombia dall’inizio della pandemia. I contagi totali nel Paese sudamericano ammontano a 4.4 milioni. Le dosi di vaccino somministrate sono invece 19.4 milioni. Il Presidente americano Joe Biden ha annunciato la scorsa settimana una donazione alla Colombia di 2.5 milioni di vaccini dell’azienda farmaceutica Janssen.