Sara Melotti, chi è la fotografa e documentarista italiana

0
140

Sara Melotti ha cambiato totalmente la sua vita facendo una scelta coraggiosa e ha raccontato tutto nel suo libro

Sara Melotti
Sara Melotti (foto Instagram)

La fotografia della moda non ha molto in comune con quella documentarista. Mondi lontani e diversi ma Sara Melotti ha fatto questo percorso approdando da un punto all’altro. Bresciana, classe 1988, dopo il liceo è partita per Los Angeles per inseguire il sogno di lavorare nella fotografia.

Tra le sue ambizioni anche la danza ma un infortunio le ha fatto sbarrato la strada. La fotografia era una passione trasformata poi in professione. Dopo tre anni passati a scattare per persone che propongono quella che per lei era un’immagine di bellezza non corrispondente alla realtà ha deciso di cambiare ambiente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tour Eiffel, Parigi: Dopo quasi nove mesi riapre il simbolo francese

Sara Melotti: “La felicità è una scelta”

India, foto di Sara Melotti

Ha continuato a utilizzare l’arma della macchina fotografica e ha avviato il progetto Quest for beauty: in giro per il mondo, da sola, ha cominciato a scattare immagini che da sole possono raccontare più di mille parole. Ha così mostrato altre bellezze, altre realtà, che non sempre però sono belle.

La scelta di Sara è stata rivoluzionaria per la sua vita e in un certo modo anche coraggiosa. Tutto per essere felice, che è la massima ambizione dell’uomo, e come e perché ha dirottato le sue azioni su altro l’ha spiegato anche in un libro edito da Piemme, La felicità è una scelta. Un viaggio per trovare il coraggio di ascoltare la propria voce.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Instagram, in arrivo le Storie Esclusive: cosa sono e come funzionano

Sul proprio profilo Instagram è possibile ammirare gli scatti in giro per il mondo e nel posti più difficili come i campi profughi in Iraq ma il tour è lungo tra vari continenti. “Volevo essere un piccolo megafono delle loro storie“, ha detto in un’intervista a Today con gli adolescenti come i soggetti che l’hanno colpita di più perché “hanno visto delle cose terribili, hanno ferite profondissime”