Morte Libero De Rienzo, droga in casa: “Non è cocaina”

0
173

Morte Libero De Rienzo, il ritrovamento dei Ris apre le porte a nuovi scenari. Attesa per domani l’autopsia

Libero De Rienzo
Libero De Rienzo (foto Instagram)

Nell’ambito dell’indagine aperta dalla Procura capitolina della morte dell’attore napoletano Libero De Rienzo, ritrovato senza vita nel suo appartamento in via Madonna del Riposo all’Aurelio a Roma, i Ris hanno ritrovato una bustina di droga. Non si tratta di cocaina come si parlava inizialmente ma sarebbe una singola dose di eroina in polvere in una bustina di cellophane. Una quantità abbastanza bassa forse insufficiente a provocare la morte ma che potrebbe essere letale se assunta con farmaci o in presenze di patologie.

La famiglia ha nominato un perito di parte, domani si terrà l’autopsia mentre si è in attesa dei risultati dell’esame tossicologico per conoscere se l’attore aveva assunto sostanze stupefacenti. Il fascicolo aperto è a carico di ignoti e indaga “in conseguenza di altro reato”. Se infatti da tutti gli esami fatti e da svolgere dovesse emergere che a causare la morte di De Rienzo sia stata la droga, la persona che gliel’ha venduta potrebbe essere accusa di omicidio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Locatelli, Cts: “Green pass nei posti chiave”

Morte Libero De Rienzo, il corpo ritrovato da un amico

Libero De Rienzo nel suo ultimo film ‘Fortuna’ (screenshot video)

Nell’indagine avviata dalla Procura di Roma il telefono dell’attore è stato messo sotto sequestro per ricostruire gli ultimi movimenti, chi ha contattato ed eventualmente chi ha incontrato. De Rienzo è stato trovato senza vita nella sua casa da un amico allertato dalla moglie. La donna era fuori con i figli e non riusciva a mettersi in contatto con il marito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Locatelli, Cts: “Green pass nei posti chiave”

Inizialmente era stata esclusa la pista della droga e le prime informazioni riportate avevano imputato la morte a un infarto. Questa pista non è totalmente tramontata ma se fosse confermata bisognerebbe chiarire se l’eventuale assunzione della droga abbia causato l’infarto.