Genoa-Napoli, dove vederla. Insigne falso nove

0
168

Tridente fantasia per il Napoli con Lozano e Politano a completare il reparto. Ballardini vuole una reazione dai suoi

Genoa-Napoli, dove vederla

Genoa-Napoli, dove vederla

Genoa-Napoli, dove vederlaA Marassi non ci sarà Victor Osimhen. Con la squalifica addirittura per due giornate inflitta al nigeriano dal giudice sportivo, Luciano Spalletti è stato obbligato a una scelta alternativa per l’attacco che sfiderà la difesa del Genoa. Il Napoli ha battuto il Venezia nella prima stagionale, i rossoblù perso malamente con l’Inter. Ora il Grifone sta cambiando volto, anche grazie a un mercato scoppiettante negli ultimi giorni (Vazquez, Maksimovic e Caicedo), ma il tecnico Davide Ballardini sa quanto sia dura affrontare i partenopei, anche senza il loro ariete offensivo. Questa sera (diretta tv dalle 18:30 su Dazn), gli azzurri giocheranno molto probabilmente con il 4-3-3 e Spalletti proverà a fare virtù degli uomini offensivi che generalmente si contendono il posto, facendoli giocare tutti. Se da una parte Ballardini sa quanto la sua rosa sia ancora un cantiere aperto, dall’altra il Napoli approfitta dei giocatori che sono rimasti e suggella un patto tra l’allenatore e Lorenzo Insigne, prima che possa essere fatta chiarezza su quali saranno le sorti del capitano a livello di contratto con la squadra di Aurelio De Laurentiis. Le soluzioni del tecnico si sintetizzeranno in Politano e Lozano, che invece di subentrare l’uno all’altro, daranno entrambi il proprio contributo dal primo minuto a Insigne falso nove, un modo per variare tatticamente senza troppi punti di riferimento e per rimpiazzare l’assenza del centravanti. Velocità e fantasia in un tridente d’emergenza, dal momento che per lo stesso Petagna sono significative le sirene del mercato, soprattutto da parte della Genova blucerchiata, mentre Ounas ha caratteristiche troppo simili agli altri titolari. Dal canto suo, il tecnico del Grifone invita invece i suoi a «dimenticare il ko con l’Inter», perché sebbene il mercato sia corso in aiuto del Genoa, l’allenatore preferisce preoccuparsi del presente e a come arginare il pericolo partenopeo. «Un dovere come allenatore e come squadra. Dobbiamo dimostrare di essere all’altezza delle prove che si presenteranno da oggi in poi, sempre e comunque». Il tecnico rossoblù invece glissa sulla possibile cessione del club da parte del presidente Enrico Preziosi. Voci non confermare, ma che Ballardini liquida con una battuta. «Gli ho fatto un’offerta, siamo in trattativa».

Così in campo

In assenza di Osimhen ecco quindi il tridente dei fantasisti Insigne, Lozano e Politano, nel tentativo di scardinare la difesa avversaria. Un esperimento che può portare i suoi frutti, secondo Spalletti, con la mediana coperta dalla presenza di Fabian Ruiz, Lobotka ed Elmas, che sostituirà un acciaccato Zielinski, che probabilmente rientrerà dopo la pausa delle nazionali. In difesa confermati Koulibaly e Manolas davanti al portiere Meret, mentre come terzini saranno riconfermati Mario Rui e Di Lorenzo. In attesa dei rinforzi del mercato, per il Genoa padrone di casa davanti al portiere Sirigu giocheranno nella difesa a tre Criscito, Vanheusden e Biraschi. Badelj al centro della mediana, con Hernani e Sturaro mezzali, mentre larghi come quinti di centrocampo ci saranno Cambiaso e Sabelli. Reparto offensivo affidato ad Ekuban e Kallon, in una sfida non facile contro gli esperti difensori centrali partenopei. Il Grifone deve riscattarsi già da ora, ma il Napoli non vuole fare sconti e arrivare alla pausa delle nazionali a punteggio pieno. Per la formazione di Ballardini sarà necessaria una grande prova contro i valori tecnici di quella di Spalletti.

 

Potrebbe interessarti anche: Juventus-Empoli 0-1: vittoria storica

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter