Milan-Cagliari 4-1, sardi travolti: tabellino e highlights

0
346

Rossoneri devastanti nel primo tempo. Grande pressing e agonismo. Doppietta per Giroud

Milan-Cagliari, tabellino e highlights

Milan-Cagliari, tabellino e highlights

 

Milan-Cagliari, tabellino e highlights – Allo Stadio San Siro il Milan di Stefano Pioli ospita il Cagliari di Leonardo Semplici. I sardi puntano alla salvezza, con la prima partita pareggiata con lo Spezia per 2-2. I rossoneri vorrebbero accarezzare l’idea del titolo a fine stagione, dopo un calciomercato che ha migliorato la rosa in diverse zone del campo, anche con l’arrivo confermato di un ex come Bakayoko. Con Ibrahimovic e Kessie ancora fermi per infortunio, il tecnico del Diavolo punta su Giroud titolare al centro dell’attacco e con Leao a supporto largo a sinistra, con la riconferma di Saelemaekers a destra e di Brahim Diaz in posizione avanzata e centrale. Il Cagliari gioca invece con il 3-5-2, con Pavoletti attaccante riconfermato al fianco dell’insostituibile Joao Pedro. La partita per il pronostico sorride chiaramente ai rossoneri padroni di casa, ma in un primo momento la gara non sembra così chiusa, ma è vivace sin. Dai primi minuti. Ne passano appena dieci che il primo guizzo verso la porta di Radunovic, in campo tra i pali della porta cagliaritana al posto del titolare Cragno, lo trova Tonali, che voglioso di riscattarsi dall’opaca passata stagione, trova subito una rete importantissima. Il Milan va così in vantaggio al 12’, ma questo risultato durerà appena tre minuti. Con un assist illuminante da buona posizione anche per il tiro, proprio Joao Pedro riesce a pescare Deiola in area, con il centrocampista sardo che si era ben inserito tra le maglie difensive dei padroni di casa. Arriva la rete del pareggio con un colpo di testa per il quale neanche Maignan riesce a impedire la momentanea rete del pareggio. La difesa rossonera sembra scottata, ma in realtà la reazione della squadra di Pioli è feroce. In sette minuti, tra il 17’ e il 24’il Diavolo torna in vantaggio e allunga. Prima Brahim Diaz devia un tiro potente di Leao, addirittura con la schiena, spiazzando Radunovic. Il gol verrà poi assegnato al portoghese perché la traiettoria vedeva comunque il pallone andare in porta. Poi è Giroud, che apre il piattone in corsa e piazza il pallone sul secondo palo superando ancora una volta l’estremo difensore di Semplici. Il 3-1 sembra una mazzata per il morale dei rossoblù, con il Cagliari ora costretto a recuperare due lunghezze. I sardi ci provano, ma Tomori e Kjaer sono bravi nell’allontanare ogni pericolo. Il Milan è bravo a giocare in velocità sulle ripartenze, grazie a un gran pressing consentito da un’ottima condizione fisica. Al 41’ un tocco di mano di Strootman, viene sanzionato con il cartellino giallo da parte dell’arbitro Marco Serra, ma alla prova della Var viene addirittura assegnato il calcio di rigore, cambiando l’iniziale decisione del direttore di gara, che propendeva invece per il calcio di punizione dal limite. Giroud in gol ancora una volta, perché il centravanti francese dal dischetto degli undici metri non sbaglia la sua traiettoria alla sinistra del portiere Rsadunovic. Il Milan è avanti 4-1, con la partita che sembra chiusa. Il Cagliari appare demoralizzato, ma manca ancora un tempo tutto da giocare. Semplici incoraggia i suoi, ma non sembra un’impresa affatto facile contro la squadra di Pioli, quando il Milan gioca in questo modo. Dopo due minuti di recupero le squadre rientrano così negli spogliatoi sul largo vantaggio del Diavolo, una prestazione fino a questo momento devastante, tutta a danno di Godin e compagni.

La ripresa

Le squadre tornano in campo senza che vi siano cambi o avvicendamenti tecnici, con i primi dieci minuti che sono facilmente controllati dai rossoneri in vantaggio di tre reti. Semplici inserisce al 64’ Zappa. Pioli risponde con Rebic al posto di Leao. Il copione della gara non cambia, e nemmeno il risultato. Quando mancano ormai venti minuti alla fine della gara e al triplice fischio di Serra, il tecnico rossonero inserisce anche Florenzi e Bennacer per far rifiatare anche Saelemaekers e Tonali. Il Cagliari appare minuto dopo minuto sempre più rassegnato con il Milan che chiedeva con Theo Hernandez addirittura un calcio di rigore, dopo l’atterramento nell’area sarda del terzino francese. La partita scorre rapida verso il 90’, senza che i rossoblù riescano a far nulla per riaprire il match. Il Milan consolida in questo modo il punteggio pieno e lancia apertamente la sfida all’Inter campione d’Italia dopo una prestazione più che convincente, anche da parte del suo 9 Olivier Giroud.

 

Milan-Cagliari 4-1: Tabellino e Highlights

Reti: Tonali 12’, Deiola 15’, Leao 17’, Giroud 24’, Giroud 43’

Milan (4-2-3-1): Maignan, Theo Hernandez, Tomori, Kjaer, Calabria, Tonali (Bennacer 68’), Krunic, Leao (Rebic 68’), Brahim Diaz (Maldini 85’), Saelemaekers (Florenzi 68’), Giroud.
Allenatore: Stefano Pioli

Cagliari (3-5-2): Radunovic, Carboni, Godin, Ceppitelli (Zappa 64’), Dalbert (Lykogiannis 75’), Strootman (Farias 75’), Marin, Deiola (Pereiro 85’), Nandez, Joao Pedro, Pavoletti (Ceter Valencia 85’).
Allenatore: Leonardo Semplici

Arbitro: Marco Serra

Ammoniti: Dalbert, Deiola, Strootman, Godin, Brahim Diaz, Nandez

Espulsi: –

 

Potrebbe interessarti anche: F1 GP del Belgio: la gara dura un giro

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Highlights QUI