Vasco Rossi ricorda Marco Santagata: chi era lo scrittore – VIDEO

0
167

Il rocker Vasco Rossi ricorda Marco Santagata: chi era lo scrittore morto a novembre 2020, il video di Alice Nappi al violino.

(Instagram)

Attraverso una serie di Storie pubblicate sul suo profilo Instagram, il rocker Vasco Rossi ha ricordato lo scrittore e critico letterario, suo concittadino, Marco Santagata. Lo scrittore classe 1947, quindi di 5 anni più anziano del cantautore, è venuto a mancare nel novembre scorso a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute, peggiorate dal Covid-19.

Leggi anche -> Covid: morto Marco Santagata, scrittore e storico della letteratura italiana

Vasco Rossi ha pubblicato una esibizione col violino di Alice Nappi, artista che spazia da atmosfere più classiche fino alla musica grunge, all’interno di una chiesa. Nel corso della sua esibizione, la violinista ha suonato alcuni brani celebri del rocker di Zocca, in una versione del tutto particolare. Si tratta di “Un senso”, “Albachiara” e “Sally”, tre grandi classici.

Leggi anche —> Vasco Rossi: “La verità è che sei ridicolo”, il duro affondo del Komandante

Chi era Marco Santagata, lo scrittore ricordato da Vasco Rossi

Marco Santagata, fratello di Giulio, già deputato dell’Ulivo, è stato un fine letterato degli ultimi trent’anni dello scorso millennio. Laureato all’Università di Pisa come allievo della Normale, è quindi diventato docente universitario di fama internazionale, oltre che autore di saggi e romanzi. In particolare ha vinto il Premio Campiello con Il maestro dei santi pallidi, quindi con Papà non era comunista ha vinto il Premio Bellonci per l’inedito.

Nella sua produzione più recente, romanzi come L’amore in sé, Il salto degli Orlandi, Voglio una vita come la mia e Come donna innamorata, quest’ultimo uscito nel 2015 e nello stesso anno finalista del Premio Strega. Morto nel novembre 2020, è uscito dopo il suo decesso il libro Le donne di Dante. Rispetto alla figura di Dante Alighieri, Marco Santagata ne ha criticato la convinzione tutta politica che fosse un precursore dell’unità d’Italia, convinzione utilizzata nei secoli a uso e consumo di una certa retorica appunto sull’Unità nazionale.