Vite Parallele: carriera e curiosità sui finalisti di Castrocaro 2021

0
116

Chi sono i Vite Parallele, giovanissimo duo calabrese: carriera e curiosità sui finalisti del festival di Castrocaro 2021.

Il duo composto dalla 21enne Simona Dodaro e dal 27enne Aldo Campanaro, ovvero Vite Parallele, sono tra i finalisti del festival di Castrocaro, manifestazione della quale oggi si svolge la finale a otto. Entrambi calabresi, lei vive a Cosenza, lui a Spezzano della Sila, sempre nel cosentino, entrambi suonano quasi tutto e cantano. Si tratta di un progetto freschissimo, che si descrive così: “Di fatto siamo due semplici ragazzi calabresi pieni di sogni”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Leo Meconi, chi è il giovane cantante di Bologna finalista a Castrocaro

La canzone che portano in concorso “descrive la paura dell’essere umano nell’esprimere i propri sentimenti, le proprie emozioni, è una sensazione contrastante quanto viscerale. Rappresenta quella necessità di lottare con tutte le nostre energie, per avere al nostro fianco chi desideriamo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Namida, chi è Claudia Pregnolato finalista al Festival di Castrocaro

Chi sono Vite Parallele, il progetto finalista a Castrocaro

L’incontro musicale tra i due è avvenuto di recente ed è stato molto intrigante: i ragazzi in realtà si conoscono da circa quattro anni, quando si sono incontrati nella scuola di musica che entrambi frequentavano. Ma non avevano mai, fino a pochi mesi fa, pensato a un progetto comune. Prodotti da La Voce Produzione, accademia di canto cosentina che ha già portato a Castrocaro altri cantanti, i due giovani calabresi si sono ritrovati grazie a gusti musicali comuni.

“Abbiamo due timbriche abbastanza simili, ma nello stesso tempo anche diverse, dipende da cosa cantiamo” – si sono descritti in un’intervista i due giovani talenti – “Un altro punto di forza è sicuramente la nostra somiglianza caratteriale, che ci permette di avere percezioni simili, o comunque, quando capita che siano opposte, riusciamo sempre a trovare un punto di incontro. Insieme riusciamo a guardare le cose da più punti di vista”.