Estate 2021: in Europa il caldo ha battuto ogni record

0
80

Il caldo estremo ha investito buona parte del mondo, incluso il continente europeo, alle prese con una rilevante variazione delle temperature anche nelle regioni più fredde. A dimostrarlo è stato il caso norvegese, dove si sono toccati i 34 gradi. Gli effetti del caldo sono stati percettibili già dagli incendi e dagli eventi disastrosi che hanno segnato la stagione. Per questo l’estate 2021 ha raggiunto il triste primato di estate più calda, superando anche le stagioni del 2010 e del 2018. 

(Photo by Christopher Furlong/Getty Images)

Una estate segnata da eventi catastrofici, come piogge torrenziali e incendi, ha dimostrato come il cambiamento climatico abbia profondamente intaccato gli equilibri terrestri. Il Nord Europa ha visto morire centinaia di cittadini a causa delle alluvioni e, il caldo, dall’altra parte, ha devastato boschi e colture. Il record registrato a Siracusa, in Sicilia, di 48,8 gradi, è lo specchio dell’ondata di caldo che ha colpito l’intera Europa. Basti pensare però che, questa estate è si da record, ma con una media di solo 1 grado più calda nella linea temporale 1991-2020, come spiega Rinnovabili.it.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La carestia in Madagascar causata dal cambiamento climatico

Ad illustrare i dati è stato il programma Copernicus dell’Agenzia Spaziale Europea e della Commissione europea, il cosiddetto (monitoraggio globale per l’ambiente e la sicurezza), programma fondamentale per la raccolta dei dati sul cambiamento climatico – che ha spiegato, nel suo rapporto, che l’estate, oggi nella sua fase finale, che da giugno a ad agosto, l’estate da record ha superato anche quelle del 2010 e del 2018: “la temperatura media giugno-agosto per l’Europa nel 2021 è stata vicina a 1 ° C al di sopra della media 1991-2020”, si legge nel report.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La circolazione oceanica messa in crisi dal riscaldamento globale

Il Nord Europa ha segnato temperature più basse rispetto al passato, non lineare però, dati gli sbalzi climatici. Invece, le zone mediterranee sono arrivate a raggiungere temperature record che riportano lo spaccato, sintomo di estremità sempre più evidenti. Il rischio è quello che fasi del genere siano sempre più accentuate e accompagnate da eventi catastrofici. Lo scorso anno la media aveva superato di 1,9 gradi la media del periodo tra il 1981 e il 2019.