Viola Ardone, chi è la giovane scrittrice campana: carriera e curiosità

0
109
Cosa sapere su Viola Ardone, chi è la giovane scrittrice campana: carriera e curiosità, gli esordi letterari e i successi.

Classe 1974, nata a Napoli e con una laurea in lettere, Viola Ardone è considerata una delle narratrici italiane della nuova generazione più amate. Dopo aver lavorato per alcuni anni nel campo dell’editoria, ha fatto il suo esordio, relativamente giovane, nel panorama letterario italiano, con una serie di romanzi che hanno avuto un grande riscontro di pubblico e critica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Francesca Mannocchi, la malattia: cos’ha e come l’ha scoperto

Insegna di latino e italiano nei licei, la Ardone ha infatti realizzato diverse pubblicazioni. Il suo esordio nel 2013 con La ricetta del cuore in subbuglio, edito da Salani. Tre anni dopo esce il suo secondo romanzo, ovvero Una rivoluzione sentimentale, sempre edito da Salani. Il successivo “Cyrano dal naso strano”, scritto insieme a Luca Dalisi esce invece per casa editrice Albe Edizioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Il Pojana: chi è e a chi si ispira il personaggio di Andrea Pennacchi

Carriera e curiosità sulla scrittrice Viola Ardone

Si tratta di una rivisitazione del celebre classico tardo-ottocentesco di Rostand, riscritto su misura per bambini. Diverse sono quindi le sue pubblicazioni che riguardano il mondo della scuola, in particolare guide su come affrontare al meglio alcuni importanti passaggi relativi a questo stesso mondo. Nel 2019 pubblica con Einaudi Il treno dei bambini. Si tratta del suo libro fino a quel momento più importante, finalista al Premio Wondy per la letteratura resiliente 2021.

Il suo ultimo romanzo esce invece alla fine di settembre 2021 e si intitola Oliva Denaro. Edito sempre da Einaudi, il romanzo di Viola Ardone è considerato un romanzo di formazione, una storia intensa di una ragazza che vuole essere libera. Già nel titolo è evidente il carattere quasi autobiografico del romanzo: Oliva Denaro, infatti, non è altro che l’anagramma del nome della scrittrice campana.