La Corea del Nord testa due missili e la Corea del Sud risponde

0
117

La Corea del Nord ha lanciato due missili balistici a distanza di poche ore, violando nuovamente una risoluzione delle Nazioni Unite. Altrettanto ha fatto anche la Corea del Sud, lanciando un missile da un sottomarino, probabilmente come deterrente. Continua così a salire la tensione tra le due Coree.

SEOUL, SOUTH KOREA – SEPTEMBER 15 – (Photo by Chung Sung-Jun/Getty Images)

Continua inesorabilmente la corsa agli armamenti delle due Coree. Il fatto che Kim abbia autorizzato un nuovo lancio dopo sei mesi, di due missili balistici, spiega automaticamente la volontà della Corea del Nord di non cedere sugli armamenti. La BBC spiega che i due missili test sono stati lanciati nelle zone interne nella parte settentrionale della Corea del Nord. Dalla Corea del Sud, invece, il lancio partito da un sottomarino, è stato accolto come un “deterrente alle provocazioni della Corea del Nord”, a detta del presidente Moon Jae-in. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Perché la Corea del Nord rifiuta i vaccini del programma COVAX?

La Cina intanto prova a lanciare un messaggio di moderazione, cercando di incentivare la diplomazia, piuttosto che la corsa agli armamenti – allineandosi verso una risoluzione politica. Gli Stati Uniti, spiega la BBC, hanno invece chiesto a Kim Jong-un di non proseguire con i piani di armamento nucleare in cambio di una riduzione delle sanzioni. Naturalmente, la linea di Kim rimane inquadrata invece a dare maggiore forza ai programmi di questo genere, seppur la Corea del Nord è in preda ad una delle crisi socio-economica più importante degli ultimi secoli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Corea del Nord: Kim vieta jeans e film americani: si rischia la pena di morte

Basti pensare che il Covid-19 ha costretto Pyongyang a ridurre il ponte commerciale con la Cina, i suo maggiore fornitore. Pochi mesi fa, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite (Aiea) aveva lanciato l’allarme per l’accensione da parte della Corea del Nord del reattore di Yongbyon, parlando di “una violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza” – l’ennesima da parte del regime di Kim Jong-un. Le prove erano state raccolte attraverso le immagini satellitari che avevano provato come l’impianto di scarico dell’acqua fosse attivo, inconfutabile prova che l’impianto fosse stato riattivato.