Alessandra Zorzin, il suo assassino trovato morto suicida

0
215

Il dramma di Alessandra Zorzin, il suo assassino trovato morto suicida: ieri il delitto della giovane mamma a Montecchio Maggiore.

Alessandra Zorzin

Ha avuto un epilogo altrettanto drammatico il delitto della giovane mamma di 21 anni di Montecchio Maggiore, in provincia di Vicenza. Alessandra Zorzin era stata trovata priva di vita, in casa, dal marito nel pomeriggio di ieri. Il femminicidio risalirebbe invece a qualche ora prima. Stando alla ricostruzione, la donna sarebbe stata uccisa infatti intorno all’ora di pranzo di ieri, mercoledì 15 settembre.

Ti potrebbe interessare anche -> Montecchio Maggiore, uccisa ragazza: cosa sappiamo, chi è la vittima

A uccidere la donna, un uomo che l’avrebbe colpita sparandole con una pistola. L’uomo si sarebbe poi dato alla fuga. Sconcerto e dolore erano emersi non solo in paese, ma anche nel capoluogo Vicenza. Qui, in segno di vicinanza e lutto per il femminicidio di ieri e per quello di qualche giorno prima a Noventa Vicentina, sono state esposte oggi le bandiere a mezz’asta. Un gesto simbolico, ma che è occasione anche di una riflessione per quanto succede non solo in provincia, ma anche nel resto dello stivale.

Ti potrebbe interessare anche -> Omicidio di Chiara Ugolini: arrestato il vicino 38enne in fuga in moto

L’assassino di Alessandra Zorzin si è ucciso: ecco chi era

Il sindaco di Montecchio Maggiore, Gianfranco Trapula, ha evidenziato a tal proposito: “I dati sui femminicidi in Italia continuano a crescere in maniera a dir poco spaventosa, si tratta di un problema che va affrontato con forza a livello nazionale”. Bandiere a mezz’asta e lutto cittadino nel comune vicentino, dove poco fa è arrivata l’altra drammatica notizia: l’assassino di Alessandra Zorzin è stato trovato morto nella sua auto, in zona Vicenza Ovest. Si tratta dell’uomo in fuga da ieri e a quanto pare il killer e la sua vittima si conoscevano.

L’assassino suicida si chiamava Marco Turrin, aveva 38 anni e faceva la guardia giurata. Era un frequentatore abituale della casa della vittima, verosimilmente un amico di famiglia, ma il dettaglio non viene confermato in via ufficiale dalle forze dell’ordine e non risiedeva a Montecchio Maggiore, ma a Vigodarzene, in provincia di Padova. Secondo la ricostruzione, dopo aver sparato alla giovane mamma di una bambina di due anni, si è allontanato dall’abitazione con la sua auto, che aveva parcheggiato lì davanti. Non è chiaro il movente del delitto.