Atalanta-Sassuolo 2-1, non basta Berardi: tabellino e highlights

0
74

Ci pensano le ali bergamasche a regolare la formazione di Dionisi. Gosens e Zappacosta incontenibili per i neroverdi

Atalanta-Sassuolo, tabellino e highlights

Atalanta-Sassuolo, tabellino e highlights

Atalanta-Sassuolo, tabellino e highlights – Il Sassuolo fa visita all’Atalanta in uno degli anticipi del turno infrasettimanale che vale la quinta giornata di campionato. Formazioni abbastanza riviste rispetto alle attese della vigilia. Per i bergamaschi, Gian Piero Gasperini sceglie di far giocare Malinovskyi in coppia con Pessina alle spalle di Zapata, dando spazio in media a Koopmeiners al posto di Freuler. Zappacosta dal primo minuto sulla fascia destra, mentre Demiral torna titolare nel cuore della difesa proprio davanti al portiere Musso. Alessio Dionisi, tecnico degli emiliani, risponde con Defrel unica puta, preferito sia a Scamacca, che era atteso nella lista dei titolari, sia al giovane talento Raspadori. Frattesi e Magnanelli a comporre la mediana. La partita è vivace sin da subito e non ha troppi tatticismi, tanto che i bergamaschi passano subito in vantaggio con Gosens, anche se l’esterno mancino tedesco non fa niente altro che spingere in porta un ottimo pallone servito da Malinovskyi, che riesce a incidere subito in questa gara, a differenza dell’ultima uscita di campionato, quella contro la Salernitana, in una partita comunque vinta per 1-0. I nerazzurri sembrano quelli dell’anno scorso, perché anche dopo il vantaggio al 3’, i ragazzi di Gasperini continuano a premere e fare pressione, senza lasciare troppi spazi agli avversari. Il Sassuolo comunque è vivo, perché in contropiede Boga e Berardi si ritagliano qualche opportunità, per quanto la difesa dei padroni di casa sia attenta a ogni accelerazione in avanti degli ospiti. I neroverdi provano così a giocare di rimessa, anche se sono ben più i rischi che corrono dietro, con la Dea che va più volte vicina al raddoppio prima della mezz’ora. Il Sassuolo fa sempre più fatica a trovare le misure agli avversari, mentre sulla fascia sinistra emiliana Kyriakopoulos perde di gran lunga il confronto con uno scatenato Zappacosta, che riesce a fare qualche che vuole in quella zona del campo. Non è un caso che dopo un paio di cross tagliati, uno dei due malamente sprecato da Zapata, per via di un colpo di testa che finisce alto sopra la testa di Consigli, è lo stesso esterno destro a procurare il raddoppio alla propria squadra, con il vantaggio ora più ampio grazie a una rasoiata in corsa senza necessità di stoppare il pallone, ma tutto di prima. Consigli poteva fare ben poco su questo pallone, così la squadra ospite è costretta a inseguire, ma con sempre minore fiducia di fronte a una squadra questa sera in gran forma. L’Atalanta sembra avere ormai in pugno la partita, ma gli avversari vanno a strappi, quindi, anche se spesso costretti a difendere, gli attaccanti sassolesi possono sempre, almeno idealmente, impensierire la retroguardia bergamasca. Proprio così avverrà nel finale di tempo, quando Berardi al 44’ piazzerà con il mancino sul primo palo un tiro molto ben indirizzato. Musso si farà cogliere impreparato al tuffo, principalmente perché coperto dai suoi difensori e impossibilitato di vedere il pallone partire dal piede dell’Azzurro. La prima frazione di gioco si chiude così sul 2-1 per i padroni di casa, ma la rete neroverde sembra aver riaperto un match che poco prima dell’intervallo sembrava chiuso.

La ripresa

All’inizio del secondo tempo non ci sono cambi, né per Gasperini, né per Dionisi. La partita prosegue con lo stesso copione almeno fino all’ora di gioco, quando il tecnico del Sassuolo decide di mandare in campo Harroui al posto di Magnanelli in mediana e Raspadori al posto di un non troppo brillante Boga. Dionisi vuole provare a raddrizzare questa partita, per quanto gli atalantini si riconfermino molto solidi anche in difesa, non solo nel loro solito gioco offensivo. Per rafforzare ulteriormente la manovra offensiva sassolese, avrà presto spazio anche Djuricic, mentre al posto di Malinovskyi Gasperini darà nuovamente fiducia a Ilicic, magari per chiudere il match già prima del triplice fischio del direttore di gara Davide Massa. A seguire entreranno anche Pezzella e Maehle al posto dei due esterni esausti Gosens e Zappacosta, autori questa sera delle due reti nerazzurre. Nella ripresa la partita è però più spezzettata, con le azioni che ora latitano. Le uniche opportunità di cambiare nuovamente il punteggio sono quelle di Defrel al 52’, con un colpo di testa che finisce di poco fuori rispetto alla porta di Musso, e di Ilicic, che riesce a ritagliarsi lo spazio per poter andare al tiro, ma la conclusione dello sloveno è di poco alta rispetto a Consigli. Non ci sono altri episodi degni di nota, con il Sassuolo che non riesce a riprendere l’avversaria, complice anche la stanchezza, e Gasperini che può così tirare un sospiro di sollievo e scalare di altri tre passetti la classifica di Serie A.

 

Potrebbe interessarti anche: Udinese-Napoli 0-4: partenopei primi in classifica

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter

Atalanta-Sassuolo 2-1: Tabellino e Highlights

Reti:Gosens 3’, Zappacosta 38’, Berardi 44’

Atalanta (3-4-2-1):Musso, Djimsiti, Demiral, Toloi, Gosens (Pezzella 69’), Koopmeiners, De Roon, Zappacosta (Maehle 69’), Pessina (Pasalic 84’), Malinovskyi (Ilicic 63’), Zapata (Piccoli 84’).
Allenatore:Gian Piero Gasperini

Sassuolo (4-2-3-1):Consigli, Kyriakopoulos, Ferrari, Ayhan, Muldur, Magnanelli (Harroui 60’), Frattesi (Maxime Lopez 82’), Boga (Raspadori 60’), Traore (Djuricic 67’), Berardi, Defrel (Scamacca 82’).
Allenatore:Alessio Dionisi

Arbitro:Davide Massa

Ammoniti:Ferrari, Malinovskyi, Pezzella, Maxime Lopez

Espulsi:

Highlights QUI
https://www.youtube.com/watch?v=42mcUGAJbUg