Mena Carillo: cosa sapere sulla maestra di strada napoletana

0
171

Mena Carillo è laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche ha collaborato da 3 anni con i maestri di strada per quanto riguarda i progetti territoriali.

Mena Carillo, chi è la collaboratrice di Maestri di Strada (Foto dal web)
Mena Carillo, chi è la collaboratrice di Maestri di Strada (Foto dal web)

Il suo nome è Mena Carillo e la sua storia è quella di una giovane donna che ha deciso di mettersi a disposizione degli ultimi. Si è occupata del laboratorio di teatro con i ragazzi che frequentano le scuole medie, mentre nel 2014 crea l’Associazione Trerrote, da allora affianca e segue le attività dei Maestri di Strada.

L’associazione lavora a stretto contatto con ragazzi universitari proponendosi 3 obiettivi, ovvero utilizzare il teatro come strumento educativo, per poi giungere alla ricerca di nuovi mezzi comunicativi per riuscire a risanare le risorse della periferia di Napoli.

L’educazione viene utilizzata come la scintilla per la creazione di una rete sociale in cui l’arte riesce a creare un nodo di connessione. La maestra cerca di creare con un gruppo di insegnanti un posto dove venga risolto l’abbandono scolastico causato dal lockdown.

Tramite il progetto creato dalla maestra, si cerca di trasformare la didattica a distanza in didattica a “vicinanza”. L’associazione Maestri di Strada lavora affinchè la scuola e i luoghi d’incontro tra i giovani diventino delle occasioni uniche per crescere come persone.

Prendendo in considerazione le proprie risorse, i giovani possono creare dei legami che poi diventeranno i fondamenti di una crescita personale ed intellettuale sana e cosciente.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: La chef Teresa Galeone: dove si trova il suo ristorante

Mena Carillo, lavora con Maestri di Strada collaborando in modo sereno ad una impresa fuori dal normale

L’associazione Mastri di Strada interviene rispettando i sogni e le aspettative della gioventù, si affrontano anche le insicurezze connesse al fatto di essere dei giovani che stanno percorrendo una fase di transizione.

Le figure di riferimento sono accoglienti e rassicuranti, i professionisti cercando di creare delle relazioni forti e protettive rispettando i rischi e le difficoltà che bisogna affrontare per diventare adulti.

Maestri di Strada lavora per accogliere e reintegrare in processi sociali e di cittadinanza tutti coloro che per diversi motivi non hanno potuto partecipare ad opportunità lavorative in passato.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Chi è Pietro Ioia, l’ex galeotto diventato Garante dei detenuti

Tramite pratiche educative efficaci i maestri affrontano i compiti educativi più complessi, creando dei gruppi di lavoro integrati si cerca di prevenire il fenomeno dispersione tra risorse personali ed energie vitali.

I Maestri e le Maestre cercano di sostenere i giovani nelle fasi di transizione e di crescita, scolastica, sociale e privata.