Europa: 20 milioni da Amazon per il cambiamento climatico

0
91

La lotta al cambiamento climatico ha guadagnato le primissime posizioni nelle agende politiche degli Stati, soprattutto in Europa. La necessità di invertire la rotta ha spinto anche le grandi aziende, spesso per un allineamento quasi fisiologico, a investire risorse per limitare i danni ambientali. Questa volta è toccato ad Amazon. Il colosso dell’e-commerce ha infatti istituito il Right Now Climate Fund a favore dell’Europa. Il progetto partirà dall’Italia. 

(Photo by David Ryder/Getty Images)

Amazon ha istituito per l’Europa il Right Now Climate Fundun fondo di 20 milioni che l’e-commerce ha investito per “sviluppare soluzioni basate sulla natura, ovvero iniziative di conservazione e ripristino dell’ambiente naturale, con l’obiettivo di ridurre gli impatti del cambiamento climatico e migliorare le condizioni ambientali delle comunità in cui l’azienda opera“. Il primo step avrà luogo in Italia, con l’iniziativa rinominata “Parco Italia”. Un progetto volto a piantare 22 milioni di alberi seguendo la densità della popolazione delle 14 città metropolitane italiane.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ambiente: la foresta amazzonica sta per collassare

Il programma di forestazione urbana andrà di pari passo con altri programmi, come quello a lungo termine che vedrà Milano accogliere 3 milioni di alberi entro il 2030. L’obiettivo del progetto è quindi quello di rendere più green le città europee, in questo caso quelle italiane, al fine di creare un ambiente molto più vivibile e sostenibile. “Abbiamo bisogno di alberi per ridurre le temperature, migliorare il nostro ambiente, l’aria e la qualità della vita” – ha spiegato il presidente del Comitato Scientifico Forestami, come riporta Hdblog.it.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> https://www.ck12.it/2021/09/22/la-lontra-marina-e-un-grande-alleato-contro-il-cambiamento-climatico/

Il fondo mira a migliorare la qualità dell’aria ma anche la tutela della biodiversità. Le piante rimangono l’alleato migliore contro l’inquinamento, grazie alla straordinaria capacità di catturare CO2. Inoltre, progetti del genere, possono, in larga misura migliorare anche aspetti sociali spesso tralasciati. Inoltre, progetti del genere, servono a garantire anche una qualità estetica delle città che va di pari passo con le più avanzate e green d’Europa e del mondo. Certo, rimangono forti dubbi sul reale impegno di queste aziende nella diminuzione delle emissioni – anche se, negli ultimi anni la tendenza sembra essere stata capovolta a favore di una maggiore attenzione per i temi ambientali.