Juventus-Chelsea 1-0, Chiesa stende i Blues: pagelle e tabellino

0
169

Ancora l’ex Viola decisivo per i bianconeri. Una grande prova della difesa di Allegri neutralizza Lukaku e compagni

Juventus-Chelsea, pagelle e tabellino

Juventus-Chelsea, pagelle e tabellino

Juventus-Chelsea, pagelle e tabellino

Juventus-Chelsea, pagelle e tabellino– La Juventus di Massimiliano Allegri vince con merito una partita molto difficile contro il Chelsea dei campioni d’Europa in carica. La squadra di Thomas Tuchel a Torino approccia molto bene alla partita, ma la difesa bianconera ha saputo mostrarsi più solida, neutralizzando Lukaku e compagni per tutti i novanta minuti. Decide una rete del solito Chiesa, ancora una volta trascinatore della sua squadra con il cinismo e la cattiveria che servono in una competizione come la Champions League. Sotto gli occhi degli assenti Dybala e Morata sono proprio gli ex viola, considerando anche Bernardeschi, a superare la difesa ospite, ma gran parte dei meriti di questo 1-0 saranno tutti di De Ligt e compagni. Dopo il vantaggio bianconero, al 46’, la Juventus deve affrontare una partita di grande sacrificio nella propria metà campo, ma la gabbia studiata ad hoc da mister Allegri avrà la meglio sul centravanti belga e sui suoi compagni di reparto. Con questa importantissima vittoria la Juventus si porta così a sei punti nel gruppo, quindi in testa, con lo Zenito e lo stesso Chelsea che rimangono appaiate a tre punti, perché nel frattempo i russi avevano battuto agevolmente gli svedesi del Malmoe. Se la Juve traballa in campionato, in Europa fino a questo momento ha mostrato un ottimo rendimento, rimanendo a punteggio pieno. Una Vecchia Signora a due facce, in mezzo a una fase della stagione che richiede un grande sforzo per via dei tanti impegni ravvicinati sui due fronti.

 

Juventus-Chelsea, le pagelle del match

JUVENTUS

Szczesny 6 Torna il polacco in porta come estremo difensore titolare. Nel primo tempo la sua retroguardia riesce a evitargli gran parte degli interventi a rischio, prevenendo le conclusioni di Lukaku e compagni. Nella ripresa la difesa bianconera bisserà la buona prestazione della prima metà di gara. Non deve intervenire nel finale neanche su una conclusione clamorosamente sbagliata dal centravanti belga.
Alex Sandro 5,5 
Con l’avvio dei londinesi è costretto subito a ripiegare, dopodiché non saprà però fare la differenza in avanti, lasciando a Rabiot e Bernardeschi l’iniziativa di andare in profondità, anche in fascia.
De Ligt 7 
Con Chiellini che siede in panchina tocca all’olandese fare le sue veci e neutralizzare un top player di ruolo come Romelu Lukaku. Missione riuscita in un’impresa tutt’altro che sc ontata per una partita così.
Bonucci 6,5 
Gli viene affidato lo scomodo Ziyech e riesce a fermarlo in più occasioni. Nel secondo tempo si fa lanciare da Chiesa in un’azione insolita a parti invertite, ma non riesce a rimediare un calcio di punizione da buona posizione.
Danilo 6 
In campo come terzino per mantenere la posizione e coprire soprattutto le spalle a Cuadrado. A rischio all’inizio, con un avvio molto aggressivo dei londinesi, ma poi saprà cavarsela senza particolari problemi, limitando di molto l’iniziativa di Chilwell, che per tutto il secondo tempo prova a dare quello che era mancato a Marcos Alsonso nella prima frazione di gioco.
Rabiot 6,5 
Si propone in avanti con regolarità, tentando anche degli inserimenti interessanti. Alla mezz’ora prova anche un tiro con il destro dalla lunga distanza. Non finisce lontano dallo specchio della porta di Mendy. Nella ripresa si farà sentire maggiormente la stanchezza.
Locatelli 6 
Questa volta è meno brillante di altri nella manovra bianconera, ma la Juventus i duelli li ha vinti principalmente sulle fasce nel corso dei novanta minuti. Risulta invece prezioso quando c’è da chiudere la linea dei passaggi che possono favorire Lukaku in fase di possesso palla per il Chelsea. Gli manca un po’ d’esperienza nel finale, quando sarà necessario ragionare un po’ di più con il pallone tra i piedi nel finale.   
Bentancur 6 
Bravo in fase di interdizione, soprattutto quando c’è da fermare un trequartista temibile come Havertz, anche in scivolata, rischiando, ma cavandosela con tempismo ed esperienza. Nella ripresa si fa prendere un po’ troppo dall’entusiasmo, rischiando più volte il fallo contro.
Cuadrado 6,5 
Non gli viene concesso troppo spazio da Alonso e Rudiger, ma il colombiano, anche se toccando palla con meno frequenza, è sempre l’uomo in più sulla fascia destra di Allegri. Mette un pallone d’oro di prima al volo sui piedi di Bernardeschi, ma l’azzurro spreca malamente da buonissima posizione. Sarebbe stata la rete del 2-0.
Bernardeschi 6,5 
Deve giocare da seconda punta e non si comporta male in avvio. Prova a spaziare e allargare il gioco coinvolgendo i compagni nell’azione, sia sulle fasce che centralmente, con dei passaggi filtranti interessanti. Suo anche l’assist a inizio secondo tempo per portare in vantaggio la Juventus con Chiesa. Meno brillante nei minuti successivi, Allegri lo sostituirà con lo svedese Kulkusevski dopo un errore madornale sotto porta sul quale poteva fare decisamente meglio.
Chiesa 7,5 
Come al solito è lui ad accendere la manovra offensiva bianconera e alla fine sarà ancora una volta il migliore in campo. Un paio di occasioni all’inizio, ma l’ex viola non inquadra la porta. Sempre una spina nel fianco della difesa Blues. Con il rientro degli spogliatoi dopo l’intervallo, sarà proprio lui a bruciare la difesa di Thomas Tuchel, potando in vantaggio i suoi con una rete preziosissima, nel suo stile.

Kulusevski 5,5 Allegri vuole sfruttare la velocità dello svedese per sfruttare le ripartenze del finale di gara. Gli mancherà il guizzo, anche quando avrà l’opportunità di affondare.
Kean 5,5 Standing ovation per il compagno autore della rete bianconera, ma a lui spetta il compito di tenere alto il baricentro della squadra nel finale e rischiare il meno possibile. Compito non facile a questi livelli. Non riuscirà a sfruttare la chance per chiuderla.
McKennie 6 
Al posto di un esausto Rabiot, che aveva già dato tutto nei primi 77 minuti. Possesso palla in avanti, ma la difesa del Chelsea non concederà molti varchi.
Chiellini 6 Qualche minuto in campo anche per Giorgione Nazionale, con l’unico scopo di rinforzare il fortino bianconero.

 

CHELSEA

Mendy 6 Pochi interventi nel primo tempo. Nella ripresa non può fare molto sul vantaggio fulminante di Chiesa. Poi sarà di fatto uno spettatore non pagante per tutto il secondo tempo.
Rudiger 5 
Deve occuparsi di un giocatore difficile da marcare come Chiesa. Il più delle volte andrà in apprensione, soprattutto quando la Juventus proverà a spingere di più nel finale di primo tempo. A inizio ripresa si farà però bruciare nello scatto da Chiesa. Colpa imperdonabile contro un giocatore come lui. Si fa ammonire per proteste al 65’.
Thiago Silva 6 
Il vero secondo allenatore del Chelsea. Si divide quasi a metà le indicazioni da dare ai compagni di squadra con il tecnico Tuchel. Guida la difesa e incoraggia i Blues a non distrarsi neanche un momento contro le accelerazioni e i dribbling di Chiesa e Bernardeschi.
Christensen 5 
Non del tutto incolpevole al momento del gol bianconero. Nel primo tempo gli è andata bene, nel secondo non resisterà neanche un minuto all’incursione di Chiesa.
Marcos Alonso 5 
Appare nervoso. Subito ammonito per una spinta superflua e inutile su Cuadrado, a pallone già finito sul fondo. Non si propone molto come suo solito, perché il cliente sulla fascia stavolta non è dei più facili da affrontare. Verrà sostituito da Tuchel già alla fine dell’intervallo per favorire l’ingresso di Chilwell.
Kovacic 6 
Bene più in fase difensiva che offensiva, eccetto il primo quarto d’ora. Evita un paio di ripartenze pericolose in contropiede da parte dei padroni di casa.
Jorginho 5,5 
Deve fare ordine alla manovra londinese anche quando la sua squadra rischia di smarrirsi. In avanti non è facile trovare spazi tra le maglie ben disposte della Juventus.
Azpilicueta 5 
Il primo tempo positivo di Rabiot è segno che lui questa sera non è in grande condizione. Non riesce a supportare la manovra dei Blues quando ci sarebbe spazio per salire.
Havertz 6,5 
Prova ad accompagnare l’azione più volte, ma Bentancur è molto abile nel contrarlo, quando necessario anche con qualche scivolata al limite. Un tiro insidioso nel secondo tempo viene deviato dalla retroguardia di Allegri, con Szczesny già pronto in tuffo sul primo palo. Fino alla fine uno dei più propositivi tra gli uomini di Tuchel.
Ziyech 5,5
Inizialmente più lui di Havertz nello spingere e proporsi in maniera pericolosa dalle parti di Szczesny. Non sarà però facile ricavarsi degli spazi tra le maglie della difesa bianconera. Scompare nella ripresa.
Lukaku 5 
Bersagliato dai fischi dell’Allianz Stadium, deve fare a sportellate con Bonucci e De Ligt. La difesa della Juventus è molto attenta su di lui, con Allegri che ha studiato una gabbia ad hoc per poter impedirgli di ritagliarsi lo spazio per accelerare e sfruttare le sue qualità migliori. Rimane un po’ isolato rispetto al resto della squadra, anche per merito dei suoi avversari. Il suo unico colpo di testa verso la porta è di fatto un grido di disperazione, per la fortuna dei padroni di casa. A cinque minuti dal triplice fischio spara alto un tiro che uno come lui dovrebbe insaccare a occhi chiusi. Male.

Chilwell 6 Entra a inizio secondo tempo al posto di un opaco Marcos Alonso. Farà fatica anche lui nel contenere un avversario temibile come Cuadrado.
Chalobah 5,5 Al posto di Jorginho al 62’. Una partita non facile per chi copre quella zona del campo, ma l’assenza di Kanté si fa sentire tanto, tantissimo.
Hudson-Odoi 6 
Ottimo approccio alla gara grazie alla corsa e al tanto impegno che mette in campo sulla fascia destra. A tratti è imprendibile, ma non può ovviamente fare tutto da solo.
Barkley 5,5 In campo al posto dello stanco Christensen per l’ultimo quarto d’ora di gara.

 

Juventus-Chelsea 1-0: Tabellino e Highlights

Reti: Chiesa 46’

Juventus (4-4-2): Szczesny, Alex Sandro, De Ligt, Bonucci, Danilo, Rabiot, Locatelli, Bentancur (Chiellini 83’), Cuadrado, Bernardeschi (Kulusevski 65’), Chiesa (Kean 77’).

Allenatore: Massimiliano Allegri

Chelsea (3-4-2-1): Mendy, Rudiger, Thiago Silva, Christensen (Barkley 75’), Marcos Alonso (Chilwell 46’), Kovacic, Jorginho (Chalobah 62’), Azpilicueta, Havertz, Ziyech, Lukaku.

Allenatore: Thomas Tuchel

Arbitro: Jesus Gil Manzano

Ammoniti: Marcos Alonso, Ziyech, Rudiger, Cuadrado

Espulsi: –

 

Potrebbe interessarti anche: Milan-Atletico 1-2: beffa per i rossoneri

Gli aggiornamenti della Champions League su Twitter

Highlights QUI