“Combattiamo questi pensieri retrogradi”, il duro sfogo di Sangiovanni

0
144

Giovanni Pietro Damian, meglio noto come Sangiovanni, sta diventando sempre più un’icona della sua generazione. Ecco il motivo

Sangiovanni

Giovanni Pietro Damian, maggiorenne solo dalla scorso 9 gennaio, si sta proponendo all’attenzione del pubblico e della critica come una vera e propria icona della Generazione Z. Quella che indica i ragazzi nati a cavallo tra il 1995 ed il 2010.

—>>> Leggi anche Sangiovanni: “Me lo dicono come fosse un problema…”, hater spiazzati

Giovanni Pietro Damian non è altri che Sangiovanni uno dei prodotti più puri, se non il più puro, dell’edizone 2020 di Amici il popolare talent show di Canale 5 condotto da Maria De Filippi. Il suo brano pop Malibù, scritto da Alessandro La Cava e Dario Faini ed interpretato dall’artista vicentino è stato uno dei tormentoni dell’estate 2021.

Sangiovanni contro l’omofobia

Oltre un milione di copie vendute, tra dischi fisici e tracce digitali, primo posto nella hit parade in Italia per diverse settimane ed in classifica anche nella hit parade Svizzera. Forte di questo successo Sangiovanni ha, inevitabilmente, aumentato il suo seguito social.

Basti pensare che l’account Instagram è arrivato ad oltre un milione e mezzo di followers. Ma la crescita non è passata solo su motivi legati al succcesso artistico, è passato anche per un successo legato alle varie prese di posizione del ragazzo.

Alcune in particolare hanno creato ampio dibattito come quella legata all’omofobia. Sangiovanni, infatti, in una recente Stories ha attaccato duramente gli haters, ce ne sono nei commenti della sua pagina, che attaccano le persone omosessuali e quelle che si vestono di rosa e usano lo smalto.

“Combattiamo questi pensieri retrogradi – ha attaccato diretto il cantante vicentino – non è moda, ma rispetto”. E ancora: “Mi fa ridere che in Italia non sia sdoganata l’omosessualità”.  L’attacco finale è contro le chiusure mentali: “Se metto lo smaltonon significa essere etero o omosessuale”. Concetti chiari e diretto che fanno ancora più rumore perché arrivano con la serena consapevolezza di un ragazzo appena maggiorenne.