Travis Scott, calca al festival di Astroworld: otto morti e diversi feriti

Panico durante l’Astroworld Festival ad Houston, in Texas: ieri sera otto persone hanno perso la vita ed in molti sono rimasti feriti a causa della calca scatenata durante il concerto del rapper Travis Scott. 

L’Astroworld Festival del rapper Travis Scott ad Houston, in Texas, si è concluso con una tragedia: durante il concerto si è formata una calca verso il palco che ha causato almeno otto morti e diversi feriti.

Travis Scott
Steven Ferdman/Everett Collection

Samuel Pena, il capo dei vigili del fuoco di Houston, ha dichiarato di aver trasportato 17 persone in ospedale, di cui undici in arresto cardiaco. Circa 300 persone sono rimaste ferite.

Tragedia all’Astroworld Festival: morti a causa dalle calca

Otto persone sono morte a causa della calca che si è formata sotto al palco: le vittime sono rimaste schiacciate dai presenti al concerto all’Astroworld Festival, evento musicale ideato dal rapper Travis Scott e giunto alla terza edizione. Il festival era stato annullato nel 2020 per via della pandemia e ieri sera era sold-out.

Astroworld Tour
(screenshot video)

La ressa, secondo le ricostruzioni della vicenda, si sarebbe formata quando alcune persone avrebbero cominciato a muoversi verso il palco, schiacciando chi si trovava in prima fila.

Secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano, il capo dei vigili del fuoco di Houston, Samuel Pena, ha spiegato che i vigili sono intervenuti durante l’esibizione di Travis Scott: “Finora abbiamo trasportato 17 persone in ospedale, undici di loro erano in arresto cardiaco” ha affermato Pena.

Pena ha raccontato che una parte del pubblico ha iniziato a spostarsi verso la “parte anteriore del palco”, provocando il panico. Così sono nati dei litigi tra il pubblico, le persone hanno cominciato a spingersi e a discutere e alcune hanno perso conoscenza. In questo modo il panico si è diffuso ulteriormente.

Tra i 5 mila presenti, almeno 300 persone sono rimaste ferite in modo lieve e hanno ricevuto delle cure al NRG Park, dove era già stato preparato un ospedale da campo. Erano presenti delle unità mediche per volontà degli organizzatori dell’evento, per questioni di sicurezza (in particolare per il Covid) ma, quando si è scatenato il panico, si sono ritrovate “rapidamente sopraffatte”.