Vite al Limite, Destinee Lashaee: ecco come è diventato

La star di Vite al Limite, Destinee Lashaee: ecco come è diventato, la sua nuova vita dopo le accuse al reality show.

Qualche tempo fa, Destinee Lashaee ha accusato i produttori dello spettacolo di averla costretta a radersi la barba, causando pensieri suicidi alla star transgender. Destinee, che ha intentato una causa alla Harris County Court in Texas con il suo nome legale Matthew Ventress, ha citato in giudizio la società di produzione Megalomedia.

Le accuse nei confronti della produzione del reality show sono a vario titolo per negligenza, inflizione intenzionale di stress emotivo, frode e altro. La sua è una delle vicende più controverse del reality show che in Italia va in onda su Real Time. Ma non è l’unico caso in  cui sono emerse delle gravi denunce.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Destinee Lashaee di Vite al limite: “Mi spingevano al suicidio”

In realtà Destiny si chiama Matthew Ventress ed è transgender: non ha ancora completato il percorso e ha spiegato che durante il programma di Real Time ha subito gravi traumi. La sua doppia identità traspare dal suo profilo Instagram, al femminile, al contrario di quello Facebook in cui assume il suo vero nome.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Destinee Lashaee, star di Vite al Limite: incredibile trasformazione

L’incredibile storia di Destinee Lashaee: perché ha denunciato Vite al limite

Nei documenti del tribunale ottenuti da The Sun, Destinee ha affermato che i produttori di Vite al Limite si erano “approfittati” di lei, poiché si erano concentrati “solo sugli ascolti”. Ha affermato che la società di produzione ha promesso di pagare le cure per la salute mentale, poiché ha informato che soffriva di “disforia di genere e disagio emotivo per la perdita di suo fratello, che è morto tra le sue braccia”.

Tuttavia, ha affermato nei documenti del tribunale che i produttori le hanno fornito solo una sessione di terapia “in modo che potesse essere filmata e far parte dello spettacolo”. Destinee, che è transgender, ha affermato di essere stata “spinta a radersi il viso, che è fonte di stress e ansia per il querelante”.

I documenti del tribunale affermavano: “Le riprese della sua rasatura sono state così dolorose che non sono state incluse nello show. Lo stress ha portato la querelante ad avere un crollo in cui ha cacciato i produttori dalla sua casa e ha minacciato di uccidere loro e se stessa”. Ha affermato che invece di attenuare la situazione, i produttori “sono tornati a casa nella speranza di ottenere filmati più drammatici”.