L’esodo degli italiani verso l’estero, in maggioranza dal centro-nord

0
131

Sono molti gli italiani che decidono di emigrare verso altri paesi: i paesi più desiderati sono la Germania e il Regno Unito. 

(Photo by Spencer Platt/Getty Images)

Tra chi va e chi torna, sembrano molti di più quelli che decidono di emigrare verso altri paesi, con la speranza di trovare migliori condizioni lavorative, sociali e di prospettive di vita. Ogni Regione deve fare i conti con dati diversi che, però, rappresentano appieno la difficoltà per molti italiani di non guardare altrove.

Sono molti gli italiani che decidono di lasciare il proprio paese in cerca di fortuna e, come spiega Rai News, da gennaio a dicembre 2020 sono state le Regioni del Centro-Nord, con il 69,5% a vedere i propri natii emigrare all’estero: due sono le Regioni maggiormente interessate, la Lombardia e il Veneto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La complicità della Brexit sulla crisi della Gran Bretagna

I dati vengono fuori dal Rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes della Cei. Il rapporto spiega che Lombardia è al primo posto con 19.402 (17,7%); al secondo posto troviamo poi il Veneto con 12.346 (11,3%). Sono questi i dati delle partenze che interessano il Nord. L’unica Regione ad aver conquistato residenti è l’Umbria, +44. A vederli emigrare verso l’estero sono state invece il Veneto con 2.762; Lombardia, -2.534; Campania -1.801; Calabria -1.789 e la Puglia -1.686.

Basilicata, Val D’Aosta e Molise sono invece le Regioni che hanno perso il minor numero di residenti. Sono 109 mila gli italiani che hanno deciso di trasferire la propria residenza all’estero  nell’arco del 2020, il 78,7% di questi si sono spostati in Europa. I Paesi più ambiti sono: Regno Unito 33.293; Germania 13.990; Francia 10.562; Svizzera 8.189 e Brasile 7.077.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stangata sui consumi degli italiani: +40% in bolletta per luce e gas

I dati, come riporta Rai News, denotano che, nel Regno Unito la comunità italiana residente è cresciuta del 33% rispetto allo scorso anno, stravolgendo in realtà anche gli effetti della stessa Brexit. Gli italiani hanno da sempre inondato le strade degli altri paesi, con la nascita di importanti comunità all’estero, spesso sinonimo di unicità e tradizioni esportate – una tendenza che continua a crescere ma che, in fondo, denota anche il rischio di una sfiducia sempre più presente verso il nostro paese, soprattutto nelle fasce d’età più giovani.