Alvaro Morte de La casa di carta: “Come resisto al cancro”

Alvaro Morte, l’attore quarantaseienne spagnolo famoso per il suo ruolo de Il professore ne La casa di carta, ha scoperto da tempo di avere il cancro. Sono più di sedici anni che lotta contro un tumore…

L’anno scorso Alvaro Morte, celebre in tutto il mondo per aver interpretato Sergio Marquina (Il professore) nella serie Netflix, si era congedato dal personaggio de La casa di carta. E ora ha parlato pubblicamente della sua malattia.

Alvaro Morte e la lotta contro il cancro

Alvaro Morte (captured)

Da sedici anni Morte combatte una battaglia contro un tumore. Da quando gli è stato diagnosticato un cancro alla coscia sinistra l’attore non si è mai fermato né arreso.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Morta Verónica Forqué, attrice di Kika e star di MasterChef

Nonostante il suo dramma ha lavorato duro, in Spagna e nel mondo, e ha continuato a sorridere. In molte interviste ha dichiarato che la sua arma segreta per resistere è l’atteggiamento positivo.

La carriera di Alvaro

Alvaro ne La casa di carta (captured)

Alvaro Morte ha lavorato in Finlandia come professore di recitazione ed esperto di Shakespeare. Nel 2012 ha fondato la compagnia teatrale 300 Pistolas. Poi è arrivato il successo come attore di serie televisive. Famoso per essere stato Lucas Moliner ne Il segreto e Sergio Marquina be La casa di carta, oggi Morte parla spesso del suo tumore, per sensibilizzare il pubblico su un tema ancora considerato tabù.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La casa di carta, pronto lo spin off di uno dei protagonisti

Alvaro ha davvero temuto di perdere la gamba, e per un cero periodo si è sentito un condannato a morte. “Poi ho cercato di affrontare tutto con un atteggiamento positivo”, ha spiegato Alvaro Morte nelle interviste.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La Casa di Carta, lanciata una petizione per uno spin off su Alicia Sierra

L’attore non ha negato di aver attraversato momenti davvero difficili, ma oggi si sente sereno. Si dedica alla professione di attore (con enorme successo) e alla famiglia. “Penso che la cosa più intelligente nella vita sia quella di trovare sempre qualcosa per cui brindare”, ha spiegato, “e io ne ho tante”. Ed è vero.