Romania: troupe Tg1 sequestrata durante l’intervista alla senatrice no vax

Lucia Goracci, giornalista Rai, ha subito un’aggressione insieme alla troupe del Tg1 nel corso di un’intervista con la senatrice Diana Șoșoacă in Romania. Successivamente il gruppo è stato sequestrato e liberato solo dopo otto ore.

Lucia Goracci, giornalista Rai, si è recata in Romania insieme alla troupe di Tg1 per un servizio sulla situazione dei vaccini nel paese.

Diana Șoșoacă
Diana Șoșoacă (screenshot video)

Nel corso di un’intervista con la senatrice Diana Șoșoacă, no vax, il gruppo di Tg1 si è ritrovato a subire un’aggressione con tanto di sequestro nell’ufficio della senatrice. Sono stati liberati solo dopo otto ore, in seguito all’intervento dell’ambasciata italiana.

Romania: la senatrice no vax che rinchiude la troupe di Tg1 nel suo studio

La Romania è al penultimo posto per quanto concerne la somministrazione dei vaccini: al momento il 39,5% della popolazione ha eseguito il ciclo completo, a differenza degli altri paesi europei che hanno più del 70% di copertura. Tra le motivazione sono state indicate una “scarsa fiducia nelle istituzioni” ed il “credito alle dicerie dei social”. La giornalista Lucia Goracci e la troupe di Tg1 si sono recati nel paese con l’obiettivo di svolgere un servizio al riguardo.


Il Tg1 ha denunciato l’aggressione ed il sequestro subiti dal gruppo durante l’intervista con Diana Șoșoacă e, nella serata di ieri, è stato condiviso quanto registrato dalla troupe. Șoșoacă, dopo aver sentito le domande di Goracci sul modo in cui viene gestita la pandemia in Romania, ha compiuto un gesto inaspettato: dopo aver messo “alla porta” la giornalista, si è piazzata davanti all’uscita, chiudendo la troupe all’interno del suo ufficio.

In seguito, la senatrice ha chiamato la polizia, dicendo che alcune persone avevano fatto irruzione all’interno del suo ufficio e che la stavano minacciando, riprendendo la giornalista ed i suoi colleghi.

Goracci, riuscendo prontamente ad uscire, si è rivolta agli agenti di polizia raccontando cosa stesse succedendo ma con scarsi risultati: una volta tornata verso l’ufficio della senatrice con gli agenti, ha realizzato che lei ed i suoi colleghi erano stati scambiato per i “criminali” della situazione.

La senatrice ha chiesto alla polizia di perquisire il gruppo, che secondo lei avrebbe potuto anche rubare qualcosa, e di eliminare le immagini registrate. La giornalista è stata presa a pugni dal marito di Șoșoacă ed è stata perquisita insieme agli altri. La troupe di Tg1 è stata liberata dopo otto ore, grazie all’intervento dell’ambasciata italiana, a mezzanotte.