Anticipazioni Le Iene: proseguono le indagini sul caso David Rossi

Questa sera tornano Le Iene su Italia 1, in prima serata, con l’ultima puntata della stagione. Secondo le anticipazioni, la puntata affronterà il caso di David Rossi, capo della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena morto nel 2013 in circostanze misteriose. 

Oggi, martedì 21 dicembre, verrà trasmessa in prima serata l’ultima puntata di questa stagione de Le Iene. In base alla anticipazioni, nel corso della puntata si cercherà di fare chiarezza sul caso David Rossi.

David Rossi
(screenshot video)

David Rossi è stato il capo della comunicazione del Monte dei Paschi di Siena ed è morto la notte del 6 marzo del 2013, precipitato dal suo ufficio di Rocca Salimbeni: nonostante sia stata avanzata l’ipotesi del suicidio, la morte di Rossi continua ad essere avvolta nel mistero. Il caso, infatti, è stato riaperto diverse volte nel tentativo di trovare nuovi indizi.

David Rossi: i dubbi su quanto accaduto la sera della sua morte

L’emergere recente di nuove testimonianze chiave ha portato la Procura di Genova a decidere di aprire un nuovo fascicolo: le circostanze in cui David Rossi ha perso la vita, infatti, continuano ad essere misteriose. Questa sera, la iena Antonio Monteleone ci accompagnerà nelle tappe centrali del caso.

David Rossi
(screenshot video)

Poche settimane fa è giunta una nuova dichiarazione da parte del colonnello Pasquale Aglieco, ex comandante provinciale dei carabinieri di Siena. Il colonnello, parlando con la commissione parlamentare formata in merito all’inchiesta, ha riferito che alcuni pm entrati nell’ufficio di Rossi prima dell’arrivo della polizia scientifica (Antonio Nastasi, Nicola Marini e Aldo Natalini) avrebbero compromesso  le prove.

Secondo le dichiarazioni di Aglieco, i pm si sarebbero diretti verso il computer di Rossi, per poi prendere il cestino della spazzatura e gettare i rifiuti sulla scrivania, chiudere la finestra e rispondere ad una chiamata arrivata al cellulare dell’uomo. Inoltre, avrebbero svolto tutte queste azioni senza l’utilizzo dei guanti.

Per questo motivo, la Procura di Genova ha aperto un fascicolo senza ipotesi di reato, nel quale sono stati aggiunti due video e 61 foto inedite della polizia, che in passato non sono mai state unite al fascicolo elaborato dai pm in seguito alla morte di Rossi.