Roby Facchinetti alla Presidenza della Repubblica: “Cosa farei”

Roby Facchinetti indicato dagli ascoltatori di un programma radiofonico come prossimo inquilino al Quirinale: il commento dell’artista

È cittadino italiano e ha più di cinquant’anni. Roby Facchinetti ha le carte in regola per essere eletto alla Presidenza della Repubblica come successore di Sergio Mattarella.

(screenshot video)

E più è anche molto amato. Sperando che tra qualche settimana si parlerà meno dei contagi Covid, l’attenzione dovrebbe spostarsi solo sull’elezione del prossimo Capo dello Stato con il parlamento chiamato alle votazioni a partire dal prossimo 24 gennaio.

Ma mentre nei palazzi della politica le consultazioni sono già cominciate sui veri e probabili papabili (il capo del governo Mario Draghi e l’ex Silvio Berlusconi su tutti), anche fuori se ne discute, con un animo più leggero e scherzo.

Del resto lo fanno anche gli stessi parlamentari quando in occasione delle prime votazioni si divertono a scrivere il nome di personaggi dello spettacolo o di film, anche persone mai esistite nella realtà.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stefano Nosei: che fine ha fatto il cantautore, ritorno a The Voice Senior

Roby Facchinetti alla Presidenza della Repubblica: “Starei tra la gente”

In un sondaggio gli ascoltatori di CaterXL di Rai Radio2 hanno fatto il nome di alcuni cantanti che vorrebbero vedere al Quirinale. C’è la popolarissima Orietta Berti che in modo particolare nel 2021 è tornata al successo con Mille, gli eterni Roberto Vecchioni e Francesco Guccini, Loredana Bertè, Jovanotti e appunto l’ex Pooh noto come Roby, nome reale all’anagrafe Camillo Lorenzo Ferdinando Facchinetti.

(screenshot video)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chiara Ferragni, l’amica influencer Martina Maccherone derubata mentre era in vacanza

Il cantautore, chiamato dalla radio in diretta, ha anche commentato questa ‘elezione’ da parte del popolo. “Girerei il Paese per promuovere la nostra straordinaria Italia“, cercando di stare tra le persone, ha detto, e siglerebbe accordi bilaterali con l’estero.