Tachicardia, se non passa così devi preoccuparti: rimedio naturale per testare il tuo cuore

Palpitazioni e tachicardia sono un fenomeno a cui prestare molta attenzione: prima di affidarsi ai farmaci, però, provate questo rimedio naturale.

controllo della tachicardia
controllo della tachicardia (fonte pexels)

Può accadere spesso di avvertire il fenomeno della tachicardia o delle palpitazioni: l’insorgenza di tali episodi deriva dall’accelerazione del battito cardiaco, e può essere fonte di forte preoccupazione. Si avverte spesso la sensazione che il cuore “perda” un battito, e il suo pompare viene percepito troppo forte, o veloce. È possibile riscontrare tale disturbo a livello di collo, gola o petto, e le cause legate alla tachicardia possono essere molteplici.

La gamma di stati d’animo connessi alla tachicardia è molto variegata: può infatti insorgere in caso di forte stress, ma anche durante momenti di emozione travolgente. Anche l’assunzione di farmaci, alcolici e l’eccessivo fumo possono agevolare lo sviluppo di palpitazioni improvvise. Anche alcune patologie, come anemia, ipoglicemia, ipossia e disturbi della tiroide possono essere forieri di episodi di tachicardia: questa problematica si riscontra infatti sin troppo frequentemente. Esiste però un rimedio fai-da-te, e completamente naturale, per calmare la tachicardia: vediamo di che si tratta.

Tachicardia e palpitazioni: avete mai provato le gocce di biancospino?

gocce di biancospino
gocce di biancospino (fonte pexels)

Come sovente accade, la natura è in grado di soccorrerci anche nelle situazioni più inaspettate. Prima di ricorrere a farmaci dedicati al controllo del cuore e della tachicardia, consigliamo di fare un giro nelle erboristerie più fornite. In tali negozi potrete acquistare un rimedio a base di biancospino, specialmente nel formato in gocce. Tale rimedio officinale garantisce numerosi benefici fisici: vediamo perché.

Il biancospino della specie Crataegus oxyacantha agisce sul sistema cardiocircolatorio, regolandolo e scongiurando così gli episodi di scompensi. Esso viene da sempre utilizzato nella fitoterapia classica, impiegando specialmente le foglie e i fiori, che contengono una miscela di diversi flavonoidi. Tali nutrienti sono potenti antiossidanti, e contribuiscono a combattere i radicali liberi.

Il biancospino si rivela infatti uno strategico alleato della salute del cuore, e aiuta anche ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo. I suoi principi attivi, inoltre, favoriscono la dilatazione delle arterie, migliorando la circolazione del sangue verso il cuore e abbassando la pressione arteriosa. Il gemmoderivato del biancospino, infine, favorisce un buon riposo e migliora la qualità del sonno. È utile anche per il trattamento dell’ansia, ha una leggera azione diuretica e favorisce il drenaggio cardiaco. L’estratto di biancospino è facilmente reperibile, e la sua efficacia vi conquisterà: bando ai farmaci, via libera alla salute in forma di fiori e foglie! Ricordiamo però che, se tale rimedio non dovesse dimostrarsi efficace, è necessario provvedere ad esami più approfonditi, in modo da ottenere un check-up completo.