“Non faccio sconti”: Flavio Insinna lo ammette in diretta, svelato un retroscena mai detto prima [VIDEO]

Durante l’intervista di Mara Venier, Flavio Insinna si è lasciato andare a un racconto personale. Ecco il dettaglio che nessuno sapeva

Flavio Insinna
Flavio Insinna (Raiplay)

Conduttore e attore, Flavio Insinna è uno dei pilastri della Rai. Oggi è al timone de L’Eredità, game show di cui ha preso le redini dopo la prematura scomparsa di Fabrizio Frizzi. Il gioco e il programma gli consentono di lasciarsi andare sia nella sua sagace ironia, oltre che di snocciolare piccole perle di saggezza culturali e letterarie che arricchiscono la trasmissione.

Durante l’intervista rilasciata a Domenica In con Mara Venier, Flavio Insinna ha fatto un tuffo nel proprio passato. Durante la chiacchiera, però, l’attore si è lasciato andare a una considerazione del tutto inaspettata, che ha rivelato un lato inedito della sua persona.

Flavio Insinna senza filtri, racconto emozionante

Flavio Insinna
Flavio Insinna (fonte youtube)

L’attore e conduttore è andato a Domenica In da Mara Venier per presentare e pubblicizzare il film che andrà in onda su Rai1 lunedì 16 maggio: “A muso duro“. Questo narra la vera storia del Dottor Antonio Maglio, medico e dirigente dell’Inail che alla fine degli anni 50 crea una struttura all’avanguardia per persone paraplegiche. Negli anni Sessanta, poi, riesce in una delle imprese più memorabili: far disputare le Olimpiadi alle persone disabili. Sfruttando le strutture presenti a Roma, nel 1960, per le Olimpiadi appena concluse, Antonio Maglio organizza quindi la prima Paralimpiade del mondo.

Flavio Insinna è stato scelto da Marco Pontecorvo per interpretare proprio il protagonista, Antonio Maglio. È stata la sorte ad aver fatto in modo che il regista abbia scelto proprio lui. Insinna, infatti, è figlio di un medico che per anni ha lavorato alla clinica riabilitativa di Roma. Da Mara Venier, a Domenica In, Flavio Insinna ha raccontato un episodio importante della propria infanzia: “Quando avevo sette o otto anni, mi portava a vedere le partite di basket in carrozzina, per farmi conoscere la vita, quella vera. E sono andato anche in Canada per le Paralimpiadi del 1976.

Durante l’intervista, Insinna ha parlato spesso e approfonditamente del ruolo che suo padre ha avuto nella sua vita. “Mi ha insegnato che, anche se non fai il medico perché decidi di fare il giullare, non curerai le persone ma te ne puoi prendere cura” ha detto, facendo riferimento alla sua vita. “A fine mese, quando mi danno lo stipendio, mi faccio un esame di coscienza e mi chiedo se me lo sono guadagnato” ha ammesso. Parlando poi di sé stesso e dell’affetto che riceve dal pubblico, ha ammesso: “Mi ha insegnato soprattutto questo: a fare gli sconti agli altri ma mai a me stesso“.

Il momento è stato toccante, soprattutto perché ha svelato un lato inedito della personalità del conduttore: duro ed esigente con sé stesso, morbido e accomodante con gli altri. Un lato che, da oggi, sarà più facile intravedere.