Attenzione MAXI ritiro di questi prodotti: interviene il Ministero

Un ritiro incredibile dal mercato per un prodotto molto diffuso. La causa è specifica e molto pericolosa: è intervenuto il Ministero della Salute

Maxi ritiro dal mercato di questo alimento
Maxi ritiro dal mercato di questo alimento (Pexels)

Sono diversi gli alimenti che quotidianamente ogni catena alimentare ritira dal mercato. I controlli, infatti, sono frequenti e molto approfonditi affinché qualsiasi impurità o svista possa essere sistemata o, in caso estremo, rimossa dalla vendita.

Nelle ultime ore, però, è avvenuto un maxi ritiro di un noto e diffuso ingrediente di molte preparazioni. A differenza dei casi comuni, in cui il richiamo riguarda uno specifico distributore, in questo caso lo spettro è ampissimo e il problema riguarda un marchio, venduto in diversi negozi: ecco di cosa si tratta.

Maxi ritiro dei semi di chia: è allarme

Semi di chia
Semi di chia (Pexels)

Ingrediente molto diffuso soprattutto nelle insalate di frutta o di verdura, negli yogurt e in alcuni dolci, i semi di chia stanno diventando sempre più popolari, soprattutto nei soggetti con allergie e intolleranze. Nelle ultime ore, però, alcuni lotti di semi di chia del marchio Pedon sono stati urgentemente richiamati dal mercato. La causa sta nella presenza di un allergene non dichiarato in etichetta, che per i soggetti allergici può essere molto pericoloso: la soia.

I marchi con cui questi prodotti sono venduti, nonostante siano tutti sotto il Pedon, sono però moltissimi. Si tratta de I Biologici, con lotto di produzione 08/05/23; I Naturali, con lotto 03/03/23; Dbt, con lotti 24/04/23, 26/02/23, 27/02/23, 17/03/23, 07/04/023, 08/01/23. Questi prodotti possono presentarsi poi sotto il marchio Carrefour, con lotti 14/06/2023, 04/03/2023 e 27/01/2023 e Iper, con lotti 06/05/23, 13/03/23 e 03/02/23. Ancora, possono essere sotto l’etichetta di Decò, con lotti 30/04/23, 02/06/23 e 16/06/23; Ohi Vita con il lotto 09/06/2023 e NoiVoi, commercializzato dal Consorzio C3 con lotto 07/05/23.

Per questo maxi ritiro è intervenuto il Ministero della Salute con specifiche circolari che documentano le motivazioni per ogni marchio. Si raccomanda di non consumare assolutamente questi prodotti, se presenti in casa e se si è allergici alla soia: nel caso in cui non si ha questa problematica, invece, non sono affatto pericolosi. Nel primo caso, invece, si possono riportare i prodotti al supermercato in cui li si è acquistati.

Le conseguenze dell’assunzione di un alimento che contiene un allergene a cui il soggetto è sensibile possono essere varie e vanno dalle più leggere, come un mal di pancia, alle più gravi. Per questo motivo è fondamentale prestare attenzione a ciò che si mangia e, soprattutto, a ciò che ogni alimento contiene.