Scorze e bucce, non buttarle assolutamente! | Fatte così sono strepitose

Spesso considerate come scarti, le bucce e le scorze sono in realtà ingredienti preziosi di ricette sensazionali. Non le scarterai più

Bucce
Bucce (Pexels)

In cucina, si sa, gli scarti dovrebbero essere il meno possibile. Il cibo è infatti sacro e sprecarlo, buttarlo o lasciarlo andare a male è un peccato morale: si butta non solo qualcosa per cui si ha speso soldi, ma anche un bene che molte persone nel mondo non hanno.

Esiste però tutta una categoria di scarti che sono socialmente accettati come le bucce e le scorze, anche se seguendo qualche consiglio neanche queste saranno più da buttare. Leggete fino in fondo e scoprite ogni segreto: le scorze e le bucce diventeranno i vostri alleati preferiti.

Scorze e bucce: le migliori ricette

buccia d'arancia
buccia d’arancia (Pexels)

Le bucce più numerose sono di solito quelle delle patate. Quando si prepara un contorno di patate al forno, per esempio, si raccoglie un bel numero di “scarti”, che solitamente finiscono di diritto nel compost o nel bidone dell’umido. Lavate e asciugate con cura, però, possono trasformarsi in chips gustosissime: basta farle rosolare nell’olio e salarle e peparle e poi farle cuocere 20 minuti in forno. Con le bucce di patate si possono fare anche delle frittelle: basta tagliarle a julienne e farle rosolare in padella, per poi aggiungerle a un composto di uova, farina, sale e pepe. Mescolate tutto e, in una padella calda con dell’olio, versate il composto a cucchiaiate: saranno irresistibili.

Anche le bucce delle cipolle si possono riciclare con gusto e creatività. Un modo molto utile per usarle è quello di metterle nel brodo vegetale, a cui danno un sapore unico. Anche con loro, poi, si possono fare delle frittelle saporite o, ancora meglio, tisane speziate: hanno potere decongestionante e lenitivo. Le scorze di limone, arancia e pompelmo, invece, sono ottime per creare dei canditi con cui arricchire i propri dolci, oppure per preparare digestivi e amari al sapore di frutta.

Con le bucce delle mele, infine, potete preparare tisane alla cannella e alla mela: è sufficiente far bollire le bucce con della cannella e dei chiodi di garofano per circa cinque minuti. Spegnete poi il fuoco e lasciate riposare per altri cinque minuti, quindi scolate e gustatevi la tisana. Le bucce di mela sono ottime anche per arricchire dei morbidi biscotti: basta farle caramellare in un pentolino con lo zucchero e unirle poi al classico impasto della pasta frolla.