Addio all’All You Can Eat | La fine di un’era?

Sono ore di tensione per tutti gli amanti dei ristoranti All You Can Eat. La notizia è incredibile, ma è successo davvero: tremano le certezze

Da quando anche in Italia e in Europa sono arrivati i ristoranti di sushi, il mondo occidentale ha scoperto la delicatezza dei sapori della cucina giapponese. Il pesce crudo con riso e alghe, condito semplicemente con spezie e salsa di soia, ha fin da subito conquistato (quasi) tutti ed oggi i ristoranti di sushi sono diffusi in tutte le città.

All You Can Eat: è la fine?
All You Can Eat, la notizia fa paura (ck12.it)

Esistono però due versioni, di questi ristoranti. La prima è quella dei ristoranti normali, dove si paga ogni piatto che viene acquistato alla carta. La seconda, invece, è quella degli All You Can Eat: pagando un forfait, si può mangiare quanto sushi si vuole. La regola è solo una: con questa seconda modalità, non si deve assolutamente avanzare niente, altrimenti si pagherà il piatto interamente.

Recentemente, però, gli amanti dell’All You Can Eat stanno tremando. Ciò che è accaduto a una ragazza, infatti, è incredibile.

All You Can Eat: le fanno pagare il doppio

A raccontare la triste vicenda è la ragazza che l’ha subita, che su Tiktok si chiama Poppypaints. La giovane, in un video di sfogo sulla nota piattaforma, ha spiegato di aver subito “fat shaming”, cioè bullismo sulla base del suo fisico. Si trovava infatti in un ristorante di sushi All You Can Eat e, per definizione, si è lasciata andare gustando tutti i piatti di cui aveva voglia. Al momento del pagamento, però, il ristoratore le ha fatto pagare il doppio.

Sushi: è la fine degli All You Can Eat?
Sushi: accuse alla formula All You Can Eat (ck12.it)

Quando la ragazza ha chiesto al ristoratore il motivo di questo conto doppio, come se a mangiare fossero stati in due, si è sentita dire che ha mangiato troppo e che, per questo motivo, è costretta a pagare di più. Il suo sfogo ha immediatamente fatto il giro del web e ha riscosso molte critiche, soprattutto per l’ingiustizia subita. Sebbene l’abbia poi messa sul ridere, la protagonista di questa vicenda ha ammesso di aver dovuto litigare con il responsabile per poter pagare una sola quota, cioè quella da lei consumata.

Questa vicenda è un duro colpo per il mercato degli All You Can Eat. Già presi di mira da molti amanti del sushi, che li accusano di avere pesce di scarsa qualità, potrebbero subire un rallentamento delle vendite: molte persone, infatti, potrebbero scegliere di non recarsi più in quei ristoranti, onde evitare di subire lo stesso trattamento.