Niccolò Fabi e quel dramma infinito | La figlia morta a 22 mesi

Niccolò Fabi ricorda la morte della figlia di appena 22 mesi, colpita dalla meningite: il dramma infinito.

Un dramma infinito quello vissuto dal cantante romano Niccolò Fabi, il quale il 3 luglio 2010 ha perso per sempre la propria figlia di appena 22 mesi di età a causa della meningite.

Niccolò Fabi
Niccolò Fabi, il dramma del figlio (ck12.it)

Una tragedia inaspettata che ha gettato il cantautore in un dolore profondissimo. All’epoca dell’accaduto, a dare l’annuncio della scomparsa della piccola ci aveva pensato lo stesso Fabi, il quale aveva detto ai fan: “Amici, vi sto per scrivere quello che non avrei mai voluto scrivere. Questa notte una sepsi meningococcica fulminante ha portato via nostra figlia”. Il racconto sconvolgente.

Niccolò Fabi e quel dramma infinito

Il 3 luglio 2010 il cantautore romano Niccolò Fabi e l’ex compagna Shirin Amini hanno perso la figlia di 22 mesi, colpita dalla meningite e, a breve distanza dal lutto, il cantante ha poi trovato la forza di organizzare un concerto in suo onore. “L’ho fatto senza volerlo, mettendo al centro piuttosto che la narrazione, la rappresentazione di un uomo nelle sue varie sfumature, nei momenti più complessi e in quelli più pesanti della sua esistenza, rendendoli ordinari: non banali, ma inseriti nel corso naturale della sua storia”. All’epoca dei fatti, Fabi aveva inoltre descritto il suo dramma come “l’esperienza più inaccettabile, orrida, ingiusta e innaturale che un essere umano può vivere”. A seguito della scomparsa della piccola, il cantante ha fondato Le parole di Lulù, dal soprannome della figlia. Un’organizzazione impegnata nello svolgimento di attività ludiche per accompagnare al meglio la crescita dei bambini.

Niccolò Fabi
Niccolò Fabi ha perso un figlio a 22 mesi (ck12.it)

Il suo rapporto con Sanremo

In una recente intervista rilasciata al Corriere Fiorentino, oltre a parlare della morte della figlia, Niccolò Fabi ha inoltre affrontato il tema del Festival di Sanremo. Come certamente ricorderete, il cantautore romano ha debuttato sul palcoscenico dell’Ariston ben 25 anni fa, dove vinse il premio della critica per le nuove proposte.

Ma oggi, a distanza di un quarto di secolo, Fabi ha dichiarato che il festival non lo guarda più. “In casa non ho neppure la tv” ha raccontato nel corso dell’intervista. “Se partecipa un collega che conosco, a cui voglio bene, lo seguo indirettamente, attraverso quello che viene pubblicato” ha aggiunto. “Ma non mi interessa la ritualità collettiva del programmone, di cui cambiano i presentatori, gli stacchetti, ma non il principio” ha infine concluso l’artista, ormai lontano da un certo tipo di mondo musicale.

Articolo di Veronica Elia