Maddie McCann: gli avvocati di Christian B. chiedono la scarcerazione

0
354

Novità sul caso di Maddie McCann: gli avvocati di Christian B. chiedono la scarcerazione del presunto assassino, le ultime notizie.

Christian B, sospettato della morte di Maddie McCann

I pm che indagano sulla scomparsa di Madeleine McCann si oppongono alla richiesta del principale sospettato Christian B di ottenere la libertà condizionale, sottolineando gli “interessi di sicurezza pubblica e generale”. Il 43enne condannato già in passato per stupro e presunto pedofilo è stato identificato come l’uomo sospettato di essere responsabile del rapimento e dell’omicidio della bambina da circa due mesi, dopo che la polizia tedesca ha dichiarato di avere prove concrete della sua morte.

Leggi anche –> Maddie McCann, la verità è vicina: cosa cerca la polizia tedesca

Le ultime sul caso Maddie McCann: Christian B. verso la scarcerazione

Maddie McCann

L’uomo sarebbe idoneo alla libertà condizionale dopo aver scontato 14 mesi di una condanna a 21 mesi per traffico di droga e il suo avvocato Friedrich Fulscher ha presentato una richiesta alle autorità chiedendo il suo rilascio. Ma il procuratore capo delle indagini Stephanie Gropp ha detto a The Sun: “Non è possibile che gli permettiamo di essere liberato presto dalla prigione. Non soddisfa i requisiti per la libertà condizionale”. Gli interessi di tutela pubblica – ha spiegato il pm – “devono essere preservati e ci opponiamo fermamente a questa richiesta di libertà condizionale. Non sosteniamo il suo rilascio anticipato dalla prigione”.

Qualche giorno fa, l’avvocato Fulscher ha detto a The Sun che Christian B non avrebbe affrontato alcun processo per la scomparsa di Madeleine McCann poiché non credeva che ci fossero prove contro di lui nonostante le affermazioni dei pubblici ministeri. Quindi ha evidenziato che solo perché il telefono di Christian B è stato registrato negli appartamenti dell’Ocean Club a Praia da Luz, in Portogallo, dove Madeleine è stata prelevata nel maggio 2007, non significava che fosse responsabile. Secondo il legale, la pubblica accusa insegue “un vicolo cieco”. I documenti relativi al suo appello sono stati depositati presso il tribunale locale di Kiel, dove si trova attualmente in prigione e un giudice di sorveglianza deciderà nelle prossime settimane se deve essere rilasciato in anticipo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here