Nadia Toffa, un anno dopo: il brano inedito ‘Donna Altalena’ – VIDEO

0
111

La morte di Nadia Toffa, un anno dopo: la mamma Margherita pubblica il brano inedito ‘Donna Altalena’, nel video immagini inedite.

(screenshot video)

Un anno fa, moriva Nadia Toffa, giornalista, inviata e conduttrice della trasmissione televisiva ‘Le Iene’, che a soli 41 anni si è dovuta arrendere a un cancro, che l’ha strappata via dai suoi affetti in maniera prematura. In queste ore, sono tanti gli omaggi alla conduttrice, amatissima dal pubblico per le sue inchieste, e la cui morte ha lasciato davvero un senso di vuoto in quanti l’hanno conosciuta e amata. La sua mamma, Margherita Rebuffoni, ha oggi messo online un brano inedito, dal titolo ‘Donna Altalena’, composto dalla figlia.

Potrebbe anche interessarti –> Ponte Genova: Vasco Rossi e altri artisti, omaggio a De Andrè

La donna altalena: il brano di Nadia Toffa è un messaggio di amore e vita

(screenshot video)

Qualche tempo fa, la mamma della giornalista lo aveva definito “una bellissima canzone scritta e incisa da lei, ed è un brano sulla vita e sull’amore, in senso lato. Per l’uomo, per la donna, per i bambini e la natura, universale”. Un brano che – ha spiegato oggi mamma Margherita – le ha tenuto compagnia nell’ultimo anno e che è un nuovo atto di amore verso gli altri da parte di Nadia Toffa, attraverso l’associazione a lei dedicata.

Sottolinea Margherita Rebuffoni: “La Fondazione metterà in campo iniziative di varia natura per raccogliere fondi al fine di aiutare la ricerca contro il cancro ed essere vicini agli ultimi, ai bisognosi, alle persone più deboli e indifese, in linea con la volontà di Nadia che si è sempre battuta per dare voce a chi non ne aveva”. Il video del brano mostra immagini inedite di Nadia Toffa, come ad esempio quelle della sala di incisione.

Queste le prime parole del brano rilasciato oggi:
“Sono una donna che ti desidera, ma che non ha bisogno di te.
Una donna randagia e indomita, a cui piace vestire i panni della complice.
Dell’amica, dell’amante paziente, compagno d’avventure incosciente”.

CLICCA QUI per ascoltare il brano.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here