Lutto nella cultura: morta Mercedes Barcha, musa di García Márquez

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:15
0
166

Morta Mercedes Barcha, musa di García Márquez: aveva 87 anni, il mondo della cultura latinoamericana in lutto per la vedova dello scrittore.

(ALEJANDRA VEGA/AFP via Getty Images)

Mercedes Barcha, che è stata considerata la musa del defunto marito e premio Nobel Gabriel García Márquez, per avergli reso possibile scrivere il suo capolavoro “Cento anni di solitudine”, è morta all’età di 87 anni. La Barcha, che ha sposato García Márquez nel 1958 e ha gestito le finanze della coppia durante alcuni momenti difficili è morta sabato a Città del Messico, secondo il Ministero della Cultura messicano. La coppia colombiana si era trasferita in Messico nel 1961; García Márquez è morto nel 2014.

Leggi anche –> Bianca Ballabio, fan dei Muse morta tragicamente: l’omaggio della band

Chi era Mercedes Barcha, musa di Gabriel García Márquez

La donna, che soffriva di problemi respiratori, è stata elogiata dal presidente colombiano Iván Duque, dalle autorità messicane e da figure di spicco nell’arte e nella cultura latinoamericana per il suo ruolo di musa e compagna per tutta la vita di García Márquez. Il celebre scrittore è stato insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1982 ed è considerato uno dei più importanti scrittori di lingua spagnola di tutti i tempi. Grande è il dolore e il cordoglio per la scomparsa della donna in tutta l’America Latina, dove il marito scrittore è amatissimo.

“Ho avuto il privilegio di incontrare Mercedes Barcha. Grande conversatrice, allegra, critica, colta, infallibile nelle sue opinioni. Una donna fantastica e bellissima”, ha detto su Twitter Claudia Sheinbaum, sindaco di Città del Messico. Lo scrittore nicaraguense Sergio Ramírez ha detto che con la morte della Barcha, “un’intera era letteraria è lasciata alle spalle, e rimane il ricordo di una cara amica di molti anni felici di discorsi, sorprese, storie lunghe e notti insonni”. Jorge Eduardo Ritter, un ex ministro degli Esteri panamense amico di García Márquez, sottolinea ancora: “In non piccola misura quanto dobbiamo allo scrittore, lui ei suoi lettori lo dobbiamo a lei. Sono di nuovo insieme”.