Coronavirus, il virologo di fama mondiale: “Più contagioso e meno letale”

0
257

Sarebbe avvenuta una mutazione del nuovo Coronavirus che lo renderebbe “più contagioso e meno letale”, secondo il virologo Paul Tambyah.

(JUAN MABROMATA/AFP via Getty Images)

Una mutazione del nuovo Coronavirus sempre più comune in tutta Europa e recentemente rilevata in Malesia potrebbe essere più contagiosa ma sembra meno mortale, secondo un eminente virologo di fama internazionale. Paul Tambyah, consulente senior presso l’Università Nazionale di Singapore e presidente eletto dell’International Society of Infectious Diseases con sede negli Stati Uniti, ha spiegato che questa mutazione prende il nome di D614G. Tambyah ha detto che ci sono prove che la proliferazione della mutazione in Europa ha coinciso con un calo dei tassi di mortalità, suggerendo che sia meno letale.

Leggi anche –> Coronavirus, parla l’esperto: “La carica virale è tornata a rialzarsi” – VIDEO

La mutazione del Coronavirus: quali sono gli effetti

“Forse è una buona cosa avere un virus più contagioso ma meno mortale”, ha detto Tambyah a Reuters. Chiarisce comunque che è improbabile che la mutazione abbia un impatto sull’efficacia di un potenziale vaccino, nonostante gli avvertimenti contrari da parte di altri esperti di salute. Tambyah ha detto che la maggior parte dei virus tende a diventare meno virulenta quando mutano. Gli scienziati hanno scoperto la mutazione già a febbraio ed è circolata in Europa e nelle Americhe, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità.

Ma già all’epoca l’OMS ha anche affermato che non ci sono prove che la mutazione abbia portato a malattie più gravi. Nei giorni scorsi, sul tema è intervenuto il direttore generale della salute della Malesia Noor Hisham Abdullah. Questi ha analizzato i contagi nei cluster del Paese e ha affermato che il nuovo ceppo rilevato è 10 volte più contagioso e che i vaccini attualmente in fase di sviluppo potrebbero non essere efficaci contro questa mutazione. Tesi questa che non condivide Tambyah, secondo il quale tali mutazioni probabilmente non cambierebbero il virus abbastanza da rendere i potenziali vaccini meno efficaci.

Leggi anche –> Coronavirus, Miozzo del Cts: “Con questi numeri lockdown inevitabile”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here