Stasera in tv, La Classe degli asini: storia vera, chi era Mirella Casale

0
139

Chi era Mirella Antonione Casale, la storia vera della donna che ha ispirato il film La Classe degli Asini, stasera in tv su Raiuno.

(screenshot video)

Il 4 agosto 1977 è un giorno storico per la scuola italiana: veniva approvata la legge 517, riguardante l’inclusione delle alunne e degli alunni con disabilità. Artefice ne fu un insegnante di nome Mirella Antonione Casale, classe 1925, che sposò una causa molto difficile per la mentalità dell’epoca: quella appunto che prevedeva l’inserimento di ragazzi disabili nel nostro sistema scolastico.

Leggi anche –> Test sierologici sugli insegnanti: unica soluzione?

La storia di Mirella Antonione Casale ispira La Classe degli Asini

Mamma anche essa di una bambina disabile, alla vicenda personale di Mirella Antonione Casale e alle sue battaglie è ispirato il film La classe degli asini, di Andrea Porporati, con nel cast tra gli altri Vanessa Incontrada, Flavio Insinna, Fabio Troiano. Rai1 nella serata del 31 agosto 2020 manda in onda il film ispirato alla storia vera di questa donna, che ha lottato sin dalla seconda metà degli Anni Cinquanta per i diritti dei disabili. Sua figlia Flavia nel 1957 contrasse l’asiatica e venne colpita all’età di due anni da una gravissima encefalite.

A metà anni Sessanta, Mirella Antonione Casale entra nell’ANFFAS e sposa la causa di quanto contenuto nella Costituzione italiana agli articoli 34 e soprattutto 38, dove si legge: “Gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento professionale”. Non è sola: negli stessi anni esce ad esempio Lettera a una professoressa di don Lorenzo Milani e si fa strada l’idea che si debba passare dalla cosiddetta “scuola di Pierino” a un sistema scolastico realmente inclusivo. Prima la Legge n. 118/71 recepisce queste spinte, poi sei anni dopo la 517/77 migliora quelle istanze e dà voce a nuove, creando appunto la figura dell’insegnante di sostegno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here