Riapertura stadi, il sì del Veneto: numero spettatori limitato e fisso

0
88

Riapertura stadi, il Veneto segue l’ordinanza dell’Emilia Romagna a riapre le strutture per le manifestazioni sportive da ottobre

Riapertura stadi
Stadio Bentegodi di Verona (Getty Images)

Il Veneto segue l’esempio dell’Emilia Romagna e riapre gli stadi con delle limitazioni. Il presidente delle giunta regionale Luca Zaia ha firmato un’ordinanza che sarà esecutiva dal prossimo 3 ottobre: sì agli stadi per massimo 1000 persone e 700 nei palasport che sono al chiuso.
Ci sarà un preassegnazione dei posti che dovrà essere occupato tutta la durata della manifestazione, senza possibilità di cambiare.

La mascherina è obbligatoria all’ingresso e all’uscita e si potrà togliere quando si è seduti. Poi c’è la distanza da rispettare: l’ordinanza parla chiaro con almeno un metro di distanza tra un posto e l’altro sia lateralmente che in direzione longitudinale.

La decisione di firmare tale ordinanza è stata presa in rispetto del Cpcm dello scorso 8 agosto e valida al momento fino all’8 ottobre. Agli steward il compito di vigilare sul rispetto delle norme anticontagio. Per quanto riguarda l’uscita alla fine della gara, gli spettatori lasceranno gli stadi a gruppi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il Governo riapre gli stadi: i dettagli e la tempistica

Riapertura stadi, non mancano le polemiche. Dal Pino “Noi noni interpellati”

Sì a 1000 spettatori negli stadi in Veneto ma non da subito. Stasera infatti è prevista la prima gara di campionato di Serie A Hellas Verona – Roma che come le partite post-lockdown giocate in piena estate, sarà a porte chiuse.
Troppo poco il tempo per organizzare tutto in pieno rispetto delle norme. Nell’ordinanza sono vietate anche bandiere e striscioni.

Ma non mancano le polemiche con il presidente della Lega Calcio di Serie A Dal Pino che chiede rispetto. Non è stata interpellata la Lega per la decisione del ministro Spadafora di riaprire gradualmente e con prudenza gli impianti sportivi.

Anche il presidente del Coni Malagò è intervenuto, chiedendo uniformità di giudizio e valutazione tra governo, Comitato Tecnico Scientifico e Regioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Whatsapp, in arrivo una nuova funzione antispia: i dettagli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here