Ferrara: mazzette in cambio di false revisioni, 7 arresti e oltre 200 indagati

0
53

In manette sono finiti per corruzione 2 dipendenti della Motorizzazione Civile di Ferrara e il titolare di un’agenzia pratiche auto. Ai domiciliari invece 4 imprenditori. Gli indagati sono in totale 216.

La voce che nella città estense bastasse pagare qualche centinaia di euro per superare i controlli era giunta anche fuori dai confini regionali, cosicché nella città di Ferrara giungevano mezzi da tutta Italia. Un sistema scardinato grazie all’operazione “Ghost inspections” coordinata dalla Procura di Ferrara.

Leggi anche -> Torino, martello incastrato causa il deragliamento di un tram: cinque feriti

Revisioni false in cambio di mazzette

7 arresti e 216 indagati. Sono questi gli esiti dell’operazione “Ghost inspections” coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Ferrara, Andrea Maggioni, e condotta insieme agli uomini della Polizia Stradale e della Compagnia Guardia di Finanza della città estense.

Un’inchiesta scattata dopo alcuni controlli mirati su strada da parte degli agenti della Polizia Stradale e dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Ferrara e basata su una serie di testimonianze, intercettazioni telefoniche e ambientali, oltre che sulle immagini provenienti dalle telecamere istallate presso la sede della Motorizzazione Civile.

2 dipendenti della Motorizzazione Civile di Ferrara e il titolare di un’agenzia di pratiche auto del capoluogo, che risulterebbe essere l’intermediario, sono finiti in carcere su disposizione del Gip Vartan Giacomelli. Gli arresti domiciliari sono toccati, invece, a 4 imprenditori attivi nel settore del trasporto merci provenienti tutti dalla provincia di Ferrara, Bologna e Rovigo. Complessivamente, comunque, sono 216 le persone iscritte nel registro degli indagati per i reati di corruzione, falso e abuso di ufficio.

I mezzi giungevano da tutta Italia

Sotto il mirino della Guardia di Finanza e della Polstrada di Ferrara sono finiti 358 mezzi pesanti che non sarebbero mai transitati per le linee di controllo della revisione. Per questi veicoli non è stato concesso il sequestro preventivo, ma è stato comunque effettuato il sequestro probatorio dei tagliandi. Altri 270, invece, i veicoli che, indipendentemente dagli accertamenti, saranno segnalati per la revisione straordinaria.

Il sistema, ormai scoperto, era ormai noto anche alle ditte di autotrasporto fuori dall’Emilia-Romagna. Grazie alle riprese video effettuate dagli inquirenti, infatti, è stato possibile appurare che alla Motorizzazione Civile di Ferrara giungevano automezzi provenienti da tutta Italia certi che, con alcune centinaia di euro (fino a 350 secondo gli investigatori), era possibile “comprare” le verifiche per coprire inefficienze di vario tipo: meccaniche, elettriche, freni malridotti, pneumatici usurati, sistemi di illuminazione danneggiati.

Secondo gli investigatori, inoltre, il denaro consegnato alla Motorizzazione in classiche “bustarelle”, serviva anche per altri tipi di favori, come anticipare o posticipare di diverse settimane la prenotazione della revisione.

Leggi anche -> Terremoto in Grecia, trema Creta: scossa di magnitudo 5.2

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here