Morto Fabrizio Ferrigno: vinse la Supercoppa col Napoli di Maradona

0
184

Grave lutto nel mondo del calcio professionistico, morto Fabrizio Ferrigno: vinse la Supercoppa Italiana col Napoli di Maradona.

(screenshot video)

Si è spento a soli 47 anni l’ex calciatore Fabrizio Ferrigno, oggi dirigente molto quotato. In carriera, ha totalizzato 71 presenze in Serie B con le maglie di Padova e Catanzaro. Coi calabresi, peraltro, qualche anno prima di ritirarsi, ottenne una doppia promozione dalla serie C2 alla serie B, un risultato storico. Da capitano, ha portato anche il Pisa in Serie B nel 2007.

Leggi anche –> Serie A, lutto: morto Sergey Atelkin, attaccante ucciso da un infarto

Chi era Fabrizio Ferrigno: la carriera, i successi, il ruolo di direttore sportivo

Esordiente nel Castel di Sangro, nel 1990-1991 si è trasferito nel Napoli, dove giocava all’epoca uno dei giocatori più forti di sempre: Diego Armando Maradona. La stagione cominciò con la vittoria nella Supercoppa italiana del 1990 ottenuta battendo la Juventus per 5-1. Quella fu anche la stagione di Maradona positivo alla cocaina, che di fatto pose fine all’avventura partenopea del Pibe de Oro. All’epoca Ferrigno non era ancora maggiorenne e così non gioca nemmeno un minuto: passa poi al Casarano in Serie C1, ottenendo in totale 45 presenze in campionato e segnando 1 gol.

Nel 1994 si è spostato alla Reggina, ottenendo la vittoria della serie C1 e salendo in serie B, dove però non gioca, spostandosi invece al Benevento in C2. La squadra conquista i playoff, persi in semifinale col Savoia. Veste poi le maglie di Acireale, Padova, Giulianova, Catanzaro, Juve Stabia e Pisa, contribuendo in questo caso alla promozione in B. Lascia la squadra toscana e conclude la sua carriera al Catanzaro. Quindi intraprende una nuova carrera da dirigente sportivo, ottenendo buoni risultati come direttore sportivo. Nella stagione 2016-17 è d.s. alla Paganese, ruolo per il quale è stato premiato come miglior Direttore Sportivo di Lega Pro. Si ritira dal calcio per combattere contro un male incurabile. Oggi il decesso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here