Paolo Mengoli, chi è la figlia: “Ha 35 anni e non mi vuole vedere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:58
0
1500

Un dramma privato quello che ha vissuto Paolo Mengoli e che in questi giorni riemerge, chi è la figlia: “Ha 35 anni e non mi vuole vedere”.

(screenshot video)

Cantautore molto apprezzato soprattutto negli anni Settanta e Ottanta, ma soprattutto campione di solidarietà: lui è Paolo Mengoli, che il 10 ottobre del 1975 ha fondato, assieme a Mogol, Gianni Morandi e Claudio Baglioni, la Nazionale italiana cantanti. Con il team, in cui ha ricoperto il ruolo di portiere e ha partecipato a centinaia di partite, è stato in campo in tantissime iniziative importanti, sostenendo battaglie e cause sociali in tutto il mondo. Non solo: è stato anche in prima linea in altre importanti campagne solidali, non tirandosi mai indietro quando è stato necessario. Si pensi ad esempio a Telethon, di cui è stato testimonial.

Leggi anche: John Travolta, grave lutto a 3 mesi dalla morte della moglie

Perché la figlia di Paolo Mengoli non lo vuole più vedere?

Ma nella vita di Paolo Mengoli c’è un dramma privato che oggi riemerge a distanza di anni. Il cantautore ha deciso di confessare quanto gli è accaduto, un ricordo ancora vivo, nel corso della trasmissione ‘Storie Italiane’, condotta da Eleonora Daniele. “Alcuni anni fa ho scoperto di non essere il padre biologico della figlia che ho cresciuto. C’è stata anche una sentenza”, ha infatti affermato lasciando tutti senza parole, sia in studio che da casa. Un segreto che dunque riemerge nella sua vita.

Racconta il cantautore: “Ho cresciuto mia figlia pensando di essere suo padre. Nel 2009 ho avuto le prove: non era mia figlia. Da quel momento la cosa è finita in tribunale e si è protratta fino al 2015, quando anche una sentenza ha deciso che non ero il padre biologico”. Paolo Mengoli afferma: “Non ho più alcun rapporto con quella che credevo fosse mia figlia, è stata una sua decisione quella di interrompere i rapporti, eppure io l’ho amata all’inverosimile. Oggi ha 35 anni”. Non nasconde infine le sue ‘colpe’: “Dopo una serie di comportamenti strani, sono stato indotto a fare degli accertamenti, fino a richiedere il disconoscimento di paternità. Ho anche fatto eseguire di nascosto il test del DNA. Mi sono portato dentro questo macigno per anni”. Oggi torna in studio ospite di Eleonora Daniele per approfondire la questione.