Malore per Gina Lollobrigida: costretta ad annullare gli impegni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:38
0
534

La nota attrice Gina Lollobrigida ha avuto un malore: costretta ad annullare gli impegni nei giorni scorsi, stasera attesa a Live Non è la D’Urso.

(screenshot video)

Nei giorni scorsi, un malore ha colpito l’attrice Gina Lollobrigida. L’attrice che ha ormai 93 anni era attesa all’inaugurazione del Lovers Film Festival, in programma a Torino. L’annuncio arriva dal direttore del festival che tocca tematica del mondo Lgbt, Vladimir Luxuria: “Purtroppo in accordo con il Museo Nazionale del Cinema abbiamo dovuto prendere questa decisione per evitare di sottoporre l’amica Gina Lollobrigida a uno stress che potesse aggravare il suo lieve malessere, che fortunatamente non desta preoccupazione. Ci scusiamo con il pubblico anche a nome suo”.

Leggi anche: Verissimo, Tania Cagnotto: “Aspetto una bambina. Ho scelto la famiglia e mi sono ritirata”

Come sta Gina Lollobrigida dopo il malore

Il caso è esploso nei giorni scorsi e ora ci si chiede come stia l’attrice anche se Luxuria rassicura appunto come non sia nulla di preoccupante. La nota attrice è attesa tra gli ospiti di Live Non è la D’Urso in onda stasera su Canale 5, insieme a Rita dalla Chiesa, Morgan e altri non ancora annunciati. Gina Lollobrigida dovrebbe tornare nel programma per parlare nuovamente del suo discusso matrimonio con Francisco Javier Rigau.

Proprio a Live Non è la D’Urso, l’attrice usò parole durissime verso l’uomo: “Non ha detto una parola che ha senso. È un vanesio, un povero imbecille che non è riuscito nella vita che a fare delle truffe. Non è un uomo che si può rispettare. È un uomo che non ha dignità vive di pubblicità e quindi il mio nome che è popolare si è un po’… Ha preso questo nome e se lo vuole portare dietro tutta la vita. È un pazzo, è un criminale”. L’attrice ha anche accusato il suo unico figlio Milko: “Non ci sta più con la testa. Ci sono delle persone che invecchiano prima. Non gli credo più. Ha distrutto la mia reputazione senza vergogna”.