Alberto De Pisis, it-boy milanese: ex fidanzata, Instagram, controversie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:26
0
199

Tutto quello che bisogna sapere su Alberto De Pisis, it-boy milanese esperto in comunicazione: ex fidanzata, Instagram, controversie.

(screenshot video)

Alberto De Pisis, milanese di 30 anni, esperto di comunicazione, nei giorni scorsi è rientrato nel dibattito pubblico perché è stato colui che ha fatto esplodere il caso Iconize. Ma in realtà, lo conosciamo già perché in passato avrebbe avuto una relazione con Taylor Mega, nonostante lui sia dichiaratamente omosessuale. “Io sono tendenzialmente gay” – aveva raccontato a Novella 2000 Però con Taylor è nato un feeling che poi si è trasformato in passione vera, fisica. È stato un rapporto limpido, senza alcun interesse mediatico”.

Leggi anche: Iconize, ex Tommaso Zorzi: chi è Marco Ferrero, noto influencer

Chi è Alberto De Pisis, presenza fissa di Pomeriggio 5

La sua storia non è sfuggita nemmeno a Barbara D’Urso che ha voluto il giovane milanese ospite delle sue trasmissioni: “C’è stata una storia d’amore, voluta con insistenza da lei. C’è stata una storia tra noi, all’insegna di un rapporto vero, sincero e puro. Lei non era famosa e neanch’io lo ero” – il suo racconto a Pomeriggio 5 – “La nostra storia ha avuto una componente sessuale anche molto importante, è durata 2 mesi. Taylor Mega è stata la prima donna della mia vita. La nostra è una cosa passata”.

Molto seguito su Instagram, nonostante il suo profilo sia privato, Alberto De Pisis ha molte conoscenze nel mondo dello spettacolo da diversi anni, tant’è che alla festa per i suoi 25 anni al Byblos c’erano tra gli altri Ana Laura Ribas, Mariana Rodriguez e Giacomo Urtis. Nei giorni scorsi, ha dunque di nuovo fatto parlare di sé perché ha spiegato pubblicamente che Iconize avrebbe mentito sull’aggressione subita e di averlo saputo da Soleil Sorge. Alberto De Pisis aveva evidenziato: “Si tratta di una cosa gravissima perché vuol dire vanificare anni e anni di sacrifici per i diritti civili. La transfobia e l’omofobia sono delle cose serissime”.