Mino Scialpi morto nell’incidente: “La vita a volte è ingiusta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:50
0
2485

Il dramma di Mino Scialpi, il centauro morto nell’incidente avvenuto ieri a Francavilla Fontana: “La vita a volte è ingiusta”.

(Facebook)

Un violento scontro tra una moto e un’auto è avvenuto ieri intorno alle 11.45 in viale del Commercio, Zona Pip di Francavilla Fontana, provincia di Brindisi. A causa del terribile schianto, ha perso la vita Mino Scialpi 25enne del posto, il giovane che viaggiava in sella alla sua moto. Tremendo l’impatto tra i due mezzi, che è costato la vita al giovane centauro, in sella a una Honda. L’altro mezzo coinvolto è una Jeep guidata da un altro giovane di Corato che si trovava insieme a una sua amica e alla sua famiglia.

Leggi anche: Mazara del Vallo: incidente mortale, la giovane vittima aveva 21 anni

Il commosso ricordo del giovane centauro Mino Scialpi

All’altezza della rivendita Centro Casalinghi, lo schianto è stato frontale e per Mino Scialpi non c’è stato davvero nulla da fare. Inutili si sono infatti rivelati i soccorsi, mentre la ragazza seduta sul sedile passeggero anteriore del fuoristrada è rimasta ferita e ha dovuto ricorrere alle cure sanitarie, venendo anche portata in ospedale. In queste ore, è incessante il ricordo su Facebook della vittima di questo tremendo incidente stradale. Si tratta dell’ennesima vittima della strada della quale purtroppo vi diamo notizia.

“Non è un addio, è solo un arrivederci… È stato un piacere conoscerti in questa vita a volte ingiusta”, scrive un noto dj della zona. I ricordi sono davvero tanti: “E così te ne vai …in punta di piedi così come sei arrivato. Sei stato il migliore fra tutti e la mia paura era di perderti ma non intendevo in questo modo. Ci manchi da subito e questo giorno rimarrà tatuato sul nostro cuore per sempre”. Una ragazza riflette: “Quando arrivano delle notizie del genere, pensi che, forse, sarebbe stato meglio non conoscere mai nessuno ed essere sola per non soffrire quando perdi qualcuno, dove hai trascorso dei momenti. Poi ti rendi conto, invece, che essere soli è ancora più brutto e pensi che è stato un piacere conoscere gente buona e solare e con tanta voglia di ottenere quello a cui credeva”.