Paola Barale, hashish e coca in casa: “Non ne avevo alcuna colpa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:08
0
327

Nel 2002, la showgirl Paola Barale venne accusata dopo una perquisizione, hashish e coca in casa: “Non ne avevo alcuna colpa”.

(Instagram)

La showgirl Paola Barale torna oggi in televisione per un’intervista a ‘Oggi è un altro giorno’, programma condotto da Serena Bortone, alla quale confida particolari inediti sulla sua vita. In particolare, la protagonista della televisione italiana ha vissuto un’intensa storia d’amore con l’attore Raz Degan, condita anche da un evento spiacevole vissuto dai due ad agosto 2002. La Barale aveva affittato a Marina di Campo, sull’Isola d’Elba, una casa ed era stata raggiunta da Degan.

Leggi anche: Paola Barale, la verità sull’assenza dalla tv della showgirl

Le accuse sulla droga a Paola Barale: la sua verità

Durante una perquisizione in casa da parte dei militari dell’Arma dei Carabinieri, vennero rinvenuti diversi grammi di sostanze stupefacenti. Così il quotidiano Il Tirreno ricostruiva i fatti: “Qualche grammo di cocaina dentro un paio di jeans, 3 o 4 grammi di marijuana trovati nella dimora presa in affitto dalla soubrette, anche una decina di grammi di hashish che uno degli amici di Degan aveva cercato di nascondere alla vista dei carabinieri”. La vicenda all’epoca fece molto scalpore, ma la Barale ha negato qualsiasi tipo di coinvolgimento.

La showgirl sostenne che l’hashish non si trovava in casa, ma era nella disponibilità di un loro amico e anche dell’attore suo compagno. In ogni caso, a distanza di qualche anno, entrambi vennero prosciolti da ogni accusa a loro carico. In anni più recenti, in delle intercettazioni legate a un’inchiesta su un presunto giro di droga a Mediaset, riemerse il nome di Paola Barale. Questa smentì decisamente: “Sono totalmente estranea ai fatti e di tutto quello che hanno scritto e di cui parlano non ho mai visto né sentito niente. La cosa che mi spiace è che comunque ci possa essere qualcuno che faccia così facilmente dei nomi, senza aver prima verificato se la cosa sia vera o meno”.