Fiordaliso, nuovo dramma dopo il Coronavirus: la cantante è straziata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:14
0
405

Quali progetti per il futuro di Fiordaliso, nuovo dramma dopo il Coronavirus: la cantante è straziata, “non possiamo andare avanti”.

(screenshot video)

Ospite della puntata odierna del programma Storie Italiane, condotto da Eleonora Daniele, c’è la cantante Marina Fiordaliso. La donna ha anche vissuto un periodo molto difficile. Lei stessa ha scelto Facebook per raccontare qualche mese fa il suo dolore, legato al contagio da Coronavirus che ha di fatto colpito tutta la sua famiglia. Poi la scelta di andare nel salotto di Barbara D’Urso, per spiegare che sua mamma Carla – 85 anni – era morta a causa del virus.

Leggi anche: Fiordaliso, choc Coronavirus: lutto in famiglia per la cantante

Il racconto di Fiordaliso, lo strazio dopo la malattia

“La malattia l’ho superata, ma l’emergenza no”, è in sunto quello che reclama oggi la cantante, anche lei positiva al Coronavirus nei mesi scorsi. Spiega che praticamente da un anno non riesce a esibirsi e questo comporta grandi sacrifici economici. Quindi evidenzia: “Non possiamo andare avanti così”. La sua vicenda è simile a quella di altri personaggi dello spettacolo. Si era fatto il suo nome come probabile nuova insegnante di ‘Amici di Maria De Filippi’, ma in un’intervista a ‘Vero’ ha frenato: “Non credo. Sarei inadatta. Quando vedo gente che non studia io mando aff… direttamente. Quel che trattengo sui social lo butto fuori nella realtà”.

Quello su cui non frena – intervistata da Tv Sorrisi e Canzoni – è sul sogno di tornare per la decima volta al Festival di Sanremo. Un sogno che comunque reputa irrealizzabile: “Tornare al Festival di Sanremo, sarebbe la decima volta. Ma non succederà. A noi cantanti degli Anni 80 non ci vogliono più. E non si capisce perché, dato che tutti guardano a quell’epoca: l’ultima hit di Tommaso Paradiso sembra un brano di Enzo Ghinazzi, in arte Pupo. Ha ragione Enrico Ruggeri quando dice che conti soltanto se viaggi con tanti camion al seguito. E a me basta un furgoncino…”.