Il cantante Morgan contro la Rai: “Mi stanno usando ancora”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:01
0
265

Durissimo affondo del cantante Marco Castoldi, in arte Morgan, contro la Rai: “Mi stanno usando ancora, sfruttano le mie parole”.

(Valerio Pennicino/Getty Images)

Il suo “Che succede” sul palco di Sanremo è diventato virale, ma a quanto pare Marco Castoldi, il cantante noto a tutti come Morgan, non ce la fa più e accusa la Rai di essersene appropriata in maniera indebita. Lo fa con un lungo post su Instagram, dove ha 250mila follower, e dove prende di mira il nuovo programma in onda su Raitre condotto da Geppi Cucciari e che si chiama proprio “Che succede”.

Leggi anche: Bugo: nome vero, esordi e moglie, la lite con Morgan, Ermal Meta

Cosa ha detto Morgan contro la Rai: chi è l’obiettivo della polemica

Morgan fa un esempio: “Immaginatevi un talk show che si chiami ‘Consigli per gli acquisti’. Mi sembra ovvio il riferimento a Maurizio Costanzo, per cui lui dovrebbe almeno essere d’accordo, oppure come minimo venire coinvolto in prima persona”. Chiarisce il cantante: “Anche se il concetto di claim allude ad un oggetto linguistico, anche brevissimo, una sola parola, l’importante è che sia attribuibile ad un inventore, soprattutto eclatante, e se questo inventore è riconosciuto popolarmente come tale è proprio questo il caso”.

Quindi rileva: “Evidentemente a certi autori particolarmente scaltri nel servizio pubblico questo non importa, loro pensano di appropriarsi di un qualcosa che tecnicamente si chiama”. Morgan conclude le sue osservazioni, spiegando ancora: “Si tratta di uno sfruttamento commerciale, perché i programmi sono prodotti commerciali a tutti gli effetti, solo che non è stata avanzata una richiesta al legittimo autore e, lo stesso, non è stato coinvolto. Ma che brave persone…”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Rai di nuovo approfitta di Morgan, gli manca di rispetto, sfrutta le sue parole ma non lo calcola, così gli procura l’ennesima complicazione , come se non gliene avesse combinate già abbastanza, al generoso e apprezzato (dal pubblico) show man, che è costretto a replicare per chiarire di cosa si tratta prima che il fraintendimento ingigantisca e diventi uno strumento per gettare ombre su un personaggio che invece è luminoso e artisticamente pregiato. Ho appreso che la Rai ha mandato in onda una trasmissione chiamandola “Che succede?” condotta da Geppi Cucciari, come se la gente non sapesse che quella è la frase di chiusura della famosa scena di Sanremo che inizia con “le brutte intenzioni la maleducazione” e finisce, appunto, con il “che succede?”. Basta venire a spasso con me per cento metri a piedi per constatare che chiunque mi incrocia, prima di dire “ciao Morgan”, mi chiede “che succede?”. Ma evidentemente a certi autori particolarmente scaltri nel servizio pubblico questo non importa, loro pensano di appropriarsi di un qualcosa che tecnicamente si chiama “claim” ed è quello che in italiano prende il nome di “slogan pubblicitario”. E anche se il concetto di claim allude ad un oggetto linguistico, anche brevissimo, una sola parola, l’importante è che sia attribuibile ad un inventore, soprattutto eclatante, e se questo inventore è riconosciuto popolarmente come tale è proprio questo il caso. Esempi di claim sono, per esempio, il famoso “allegria!” di Mike Bongiorno o “consigli per gli acquisti” di Maurizio Costanzo. Immaginatevi, infatti, un talk show che si chiami “Consigli per gli acquisti”. Mi sembra ovvio il riferimento a Maurizio Costanzo, per cui lui dovrebbe almeno essere d’accordo, oppure come minimo venire coinvolto in prima persona. Idem per quanto mi riguarda: si tratta di uno sfruttamento commerciale, perché i programmi sono prodotti commerciali a tutti gli effetti, solo che non è stata avanzata una richiesta al legittimo autore e, lo stesso, non è stato coinvolto. Ma che brave persone… C’è però un aspetto passato sottotraccia nella vicenda del “Che succede?” e delle “brutte intenzioni la maleducazione…” e cioè che io non ci ho guadagnat

Un post condiviso da Marco “Morgan” Castoldi (@morganofficial) in data:

Leggi anche: Il fidanzato di Jessica Mazzoli contro Morgan: “Mi sono inc***ato”