Giacomo Ferrara, Spadino di Suburra: nuovi progetti per l’attore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:04
0
220

Chi è l’attore Giacomo Ferrara, Spadino di Suburra: nuovi progetti dopo la fine della fortunata serie prodotta da Netflix.

(screenshot video)

Per l’attore abruzzese Giacomo Ferrara, l’esperienza di Suburra è finita: il percorso è iniziato nel 2014 con un ruolo non di rilievo nel film di Stefano Sollima ed è proseguito poi con le tre stagioni della serie, l’ultima uscita appena ieri su Netflix. Ora ‘Spadino’ ha altri progetti in mente, ma in un’intervista a Rolling Stone, parte ancora una volta da Suburra per raccontarsi. Descrive la serie come “una storia d’amore tra due gangster, un’amicizia raccontata attraverso due persone che all’inizio si odiano e fanno tutto questo viaggio insieme, che per lo spettatore dura tre stagioni, ma il tempo effettivo è pochissimo”.

Leggi anche: Suburra 3: tutte le anticipazioni sulla terza ed ultima stagione

Non solo Spadino di Suburra: cosa farà da grande Giacomo Ferrara

La spalla di Alessandro Borghi non nasconde di essersi commosso dopo aver girato l’ultima scena, ma spiega di avere 29 anni e di non voler restare incastrato nel personaggio che comunque gli ha dato molto successo. Chiaramente ancora non lo sa cosa farà da grande, ma sa benissimo quali sono i suoi progetti imminenti. Da qualche giorno, è uscito il videoclip di “Finché ti va” dei Tiromancino, che lo vede protagonista, mentre su Instagram, dove è seguito da decine di migliaia di follower, ha salutato ieri l’uscita della nuova stagione di Suburra.

“Oggi si chiude un viaggio bellissimo vissuto con tutte queste persone che vedete nella foto. Tutte persone meravigliose e grandi professionisti con cui ho avuto il privilegio di condividere un viaggio che è iniziato nel 2014”, ha scritto. Quest’estate, l’attore ha girato il film “Non mi uccidere”, regia di Andrea De Sica, tratto dai romanzi di Chiara Palazzolo. ‘Spadino’ spiega poi: “Sto girando la serie su Alfredino Rampi diretta da Marco Pontecorvo e prodotta da Sky e da Lotus”. Per il giovane attore c’è poi una sorta di rimpianto: “Quanto mi sarebbe piaciuto fare un film con Bernardo Bertolucci!”. Il suo sogno nel cassetto infine sarebbe lavorare con Daniel Day-Lewis.